0

Noi due come in un sogno – Nicholas Sparks

Noi due come in un sogno di Nicholas Sparks è stato pubblicato lo scorso 5 luglio dalla casa editrice Sperling & Kupfer.

Si tratta del ventitreesimo romanzo scritto dall’autore americano e tradotto in Italia.

Colby è un ragazzo di venticinque anni che si trova in Florida per una breve serie di concerti in un locale e ne sta approfittando per concedersi una piccola vacanza.

Per lui la musica è sempre stata molto importante, il suo sogno era quello di fare il musicista. Ma da quando si è ritrovato a dover dirigere la fattoria degli zii nel North Carolina, per lui la musica è diventato un piacevole passatempo.

Nella sua vita non c’è molto spazio per altro che non sia il lavoro. Niente amici e niente amore. Fin quando non incontra Morgan.

Morgan è una ragazza di ventuno anni che si trova in vacanza con le amiche nello stesso posto in cui si trova Colby. Per lei il futuro è molto chiaro: andrà a Nashville per incontrare un famoso produttore musicale e diventerà una star. Nonostante i genitori sognino per lei qualcosa di più stabile.

Quello che entrambi non avevano assolutamente messo in conto era la possibilità di innamorarsi. Pochi giorni portano i due ragazzi ad innamorarsi fortemente l’uno dell’altro e a vivere quei momenti come fossero un bellissimo sogno.

Ma i sogni, prima o poi, si scontrano con la dura realtà e non sempre riescono a sopravvivere.

Lo sa bene Beverly, altra protagonista di questo romanzo, che nello stesso momento vive invece un incubo: in fuga dal marito violento con un bambino piccolo giunge in una cittadina e vi si stabilisce in una casa di campagna lontana dal centro abitato.

Qui è convinta di poter riprendere in mano la sua vita e di essere finalmente al sicuro: ma sarà davvero così?

photostudio_1660313232059-01

Nicholas Sparks torna a parlare d’amore e di relazioni con questo romanzo abbastanza particolare.

La storia d’amore tra Colby e Morgan è una situazione già vista: entrambi belli, con qualche talento, si innamorano alla follia come mai fatto fino ad allora. Anzi, solo in quel momento scoprono cos’è davvero l’amore.

Complice lo sfondo che fa da cornice alla storia (anche questo abbastanza un cliché): il tramonto sull’oceano, la spiaggia, meravigliosi paesaggi naturali. Insomma un colpo di fulmine in piena regola.

Peccato che, stavolta, quello che manchi sia il pathos: la storia è piatta, scialba, non riesce a coinvolgere il lettore e a fargli battere il cuore. Il che è un peccato perché da un autore come Sparks è quello che ci aspetta.

Passando invece alla storia di Beverly: la narrazione, in quei momenti, è sicuramente più cupa. Nonostante la voglia della protagonista di riprendere in mano la propria vita e di regalarne una migliore al figlio, in realtà quello che traspare dalle pagine è una sensazione perenne di angoscia.

Il lettore affonda in un pantano di fatto di tristezza, inadeguatezza, con i nervi a fior di pelle e una perenne situazione di pericolo.

I due POV suggeriscono due storie completamente lontane una dall’altra, nulla in comune tra Colby e Beverly, due storie parallele ma che non sono mai destinate a incontrarsi. Quasi sembra di leggere due romanzi diversi le cui pagine sono state mischiate.

Eppure l’autore trova il modo (o almeno tenta) di sorprendere il lettore e con un colpo di scena riunisce le due storia su un unico binario. Spettacolare? No. Direi piuttosto forzato e inverosimile.

Unica nota positiva: lo stile. Almeno in quello Sparks è rimasto fedele a se stesso. Si tratta di una narrazione fluida, con un linguaggio semplice e diretto che accompagna il lettore pagina dopo pagina raccontandoci non solo la vita ma l’identità più profonda di ogni singolo personaggio.

Noi due come in un sogno di Nicholas Sparks è un romanzo che, da grandissima fan dell’autore, aspettavo con tanta ansia, pronta a buttarmi un avvincente storia d’amore che mi facesse scordare, almeno per qualche ora, la realtà. Ed invece si è rivelato, purtroppo, una grandissima delusione.


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 405
Prezzo: 19.90€
Voto: 5/10

0

Due sirene in un bicchiere – Federica Brunini

Due sirene in un bicchiere è un romanzo di Federica Brunini, edito da Feltrinelli editore. Dana e Tamara sono le proprietarie del B&B delle Sirene Stanche, una casa con quattro stanze per gli ospiti sull’isola di Gozo, nel mar Mediterraneo.

Il soggiorno in questo B&B non è prenotabile telefonicamente, nelle agenzie di viaggio o sui siti online. Chiunque voglia trascorrere le vacanze qui dovrà mandare una lettera, rigorosamente scritta mano, alle due donne, che decideranno se i futuri ospiti hanno davvero bisogno di soggiornare a casa delle sirene e se sono disposti a seguire il programma ricco di attività, di yoga e tisane detox che Dana prepara personalmente.

Stanno per arrivare cinque nuovi ospiti; abbiamo Olivia, cuoca spagnola che desidera trovare sollievo da una delusione matrimoniale. L’ex marito Pablo, infatti, l’ha lasciata per una donna più giovane di lei e, condividendo i due la proprietà del ristorante a Barcellona, Olivia è costretta a vederli tutti i giorni.

Lisa e Lara sono gemelle, arrivano da Milano: la prima è da sempre fissata con il suo fisico che considera come un qualcosa di sacro da curare costantemente, tanto che ha una palestra specializzata in wellness e una linea di cosmetici bio creata da lei. Lara è il vero motivo del viaggio a Gozo: è stata abbandonata sull’altare nuziale dal fidanzato e da allora conduce una vita apatica, prende antidepressivi, si è lasciata andare.

Jonas è un pilota di aerei, australiano, ha perso la madre da poco ed è volato sull’isola per spargerne le ceneri: sa che la madre era incinta di lui quando ha lasciato Gozo per andarsene in Australia e qui vuole scoprire qualcosa di più sulle sue origini.

Eva invece è arrivata sull’isola con l’inganno: dal suo ufficio di gossip di Londra ha origliato una telefonata della rivale Vera e, spiando tra le sue carte, ha scoperto che questa ha scritto una lettera al B&B per soggiornarvi e per cercare notizie riguardo alla scomparsa di una stella della musica, Mandala Singer, sparita dopo la morte della figlia Mia in mare. Eva ha sentito che Vera non partirà più e decide di prenderne il posto e fingersi una giovane moglie che desidera diventare madre senza riuscirci.

I cinque arrivano al B&B e si preparano ai sette giorni organizzati da Dana: i primi tre giorni sono dedicati alle lacrime, i successivi tre alla guarigione e l’ultimo giorno è di festa. La scelta delle stanze viene fatta a caso dagli ospiti: ogni stanza è diversa, ha frasi motivazionali scritte sulla porta, su ogni comodino c’è un diario dove scrivere cento desideri e un filo con sette perle da infilare come rito spirituale.

Dana e Tamara hanno creato un piccolo posto dove sono loro stesse a imparare qualcosa, andando avanti e lavorando su loro stesse: Dana ha un figlio e una forte predisposizione a curare gli altri, Tamara nasconde qualcosa nella solitudine del suo atelier, sotto al B&B, dove realizza opere d’arte contemporanea.

La settimana trascorsa presso le Sirene Stanche avrà un potere terapeutico su tutte le persone che ci vivranno, tra segreti, pianti, baci, l’odore del mare e il sapore delle notti d’estate.

SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Feltrinelli editore
Pagine: 218
Prezzo: 9,50€
Voto: 7/10

0

Nel cuore di Yamato – Aki Shimakazi

Nel cuore di Yamato è una pentalogia racchiusa in un unico volume dell’autrice giapponese Aki Shimazaki. Questo romanzo rappresenta attraverso il racconto di cinque personaggi che gravitano attorno all’azienda di Tokyo Goshima la realtà del Giappone post seconda guerra Mondiale, più o meno dagli anni cinquanta fino alla fine degli anni Novanta.

Protagonista del primo racconto è Aoki, un giovane che ha meno di trent’anni negli anni settanta, che svolge la professione di shosha-man, uomo d’affari che compie molti viaggi all’estero per lavoro. Aoki ha seguito le orme del padre, shosha-man anche lui: l’uomo, morto per l’affaticamento dal lavoro, è stato un grande esempio per il figlio. Aoki si innamora della giovane Yuko Tanase, una receptionist che desidera viaggiare per i Paesi francofoni del mondo. Entrambi sognano cose diverse nelle loro vite, ma sembra essere possibile un avvicinamento e un lieto fine nella loro relazione.

Nel secondo racconto a narrare è Tsuyoshi Toda, il capo di Aoki, che svela vicende precedenti a quelle raccontate da Aoki. Tsuyoshi ha avuto una carriera da shosha-man in diversi Stati, dove ha rappresentato l’azienda, con al suo fianco sempre la moglie. Tsuyoshi durante la seconda guerra mondiale ha combattuto nelle Filippine, mentre il padre era finito in Siberia al servizio dei russi. La madre di Tsuyoshi aspetta ancora che il suo amato torni dalla Siberia, non pensa che pur essendo passati tanti anni l’uomo possa essere morto e, complice l’alzheimer, l’anziana ricorda con vividezza suo marito. Che fine ha fatto davvero Banzo Toda?

Passiamo quindi ad un ex dipendente della Goshima, Nobu, che ha lasciato il lavoro quando Aoki nel presente della narrazione del primo racconto accettava invece un trasferimento nel Qebec. Nobu con moglie e figli ha preferito rimanere a Tokyo e ha aperto una scuola tradizionale privata per giovani ragazzi. Ricorda il padre professore, il suo suicidio e il rapporto con gli studenti della classe in cui insegnava.

Nella quarta parte conosciamo un punto di vista femminile, quello di Yuko Tanase: parla della sua famiglia, della sua istruzione, delle sue aspirazioni. Racconta l’amore per Aoki e il suo matrimonio con il figlio del proprietario di una banca importante. Lega il racconto della sua vita coniugale apparentemente perfetta all’intreccio di alcuni libri di Yukio Mishima che sembrano essere molto vicini alla sua realtà.

Infine ci soffermiamo sul punto di vista di Aiko, la moglie di Tsuyoshi Toda. Aiko precedentemente aveva contratto nozze con un uomo che presto l’aveva delusa, tradendola e umiliandola. Il divorzio, seppur difficile per il tempo, era stato presto accordato. Aiko dopo un po’ di mesi, sul treno verso Tokyo ebbe un colpo di fulmine per Tsuyoshi. Il loro matrimonio durato per più di cinquant’anni conclude con gran delicatezza il romanzo.

Il romanzo ci racconta quindi cinque vite, che si sono incontrate e in qualche modo legate nel loro corso. Affronta tante tematiche: i miai, ovvero gli incontri combinati in vista del matrimonio, la corruzione all’interno delle aziende, lo stralavoro a cui vengono sottoposti i dipendenti giapponesi, la storia dei giapponesi deportati in Siberia dai russi durante la seconda guerra mondiale, i rapporti del popolo di Yamato con gli americani. Ma ad essere protagonisti sono i sentimenti: da quelli amorosi, a quelli familiari. Accanto al rapporto che hanno i protagonisti maschili presenti nei racconti con i loro padri, c’è il senso di vergogna per il passato dei propri avi, che come un’impronta sembra segnare per sempre i discendenti.

Nel cuore di Yamato è un romanzo corale che ci regala uno spaccato sociale molto importante e che, soprattutto, cerca di lasciarci qualche accenno alla storia giapponese che merita di essere ripresa e approfondita dal lettore.

SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Feltrinelli editore
Pagine: 405
Prezzo: 12€
Voto: 7.5/10

0

Come anima mai – Rossana Soldano

Come anima mai di Rossana Soldano è un romanzo pubblicato nel 2019 dalla Hope Edizioni.

Iniziata come una fan fiction ispirata ad Harry Styles, ben presto ha riscosso un discreto successo tanto da venire notata dalla casa editrice e diventare, così, un vero e proprio romanzo.

Ci troviamo nell’Inghilterra del 1936 e Lewis Ellsworth, figlio del duca di Buccleuch, è al suo secondo anno di studi a Cambridge. Raffinato, colto e di ottima famiglia quello che nessuno sa è che Lewis frequenta dei pub, in zone poco frequentate, per soddisfare i propri gusti sessuali.

Una sera, in uno di questi pub, Lewis incontra un ragazzo che, a differenza di altri, non riesce a togliersi dalla testa e a catalogare come un’avventura. Con sua grande sorpresa scoprirà che questo ragazzo frequenta, con lui, Cambridge.

Lui è William Chase: bello quasi da far male, colto, spiritoso, affamato di vita e di sapere. Per i due è facile innamorarsi e intraprendere una burrascosa storia d’amore all’insaputa di tutti.

Perché Lewis è un futuro Pari d’Inghilterra e comunque sia avere certe tendenze sessuali non è sano, non è ritenuta la normalità. Ma Lewis e Will sono determinati ad amarsi. E che questo amore sia per sempre.

Ci rincorrevamo come sabbia in una clessidra e niente si andava a perdere mai; pieni, davvero, solo se insieme.

A mettere ulteriormente a dura prova il loro rapporto ci si mette anche la storia: il sopraggiungere della Seconda Guerra Mondiale li separa. Anni duri aspettano i due giovani che volevano soltanto avere un loro posto nel mondo, un loro personale Wonderland dove vivere alla luce del sole il loro amore.

Ma sarà davvero così impossibile?

[…] ma sono abbastanza lucido da sapere che soltanto dietro una porta chiusa possiamo essere davvero liberi. Persino Alice sapeva che Wonderland era solo un sogno.

photostudio_1659367636904-01

Rossana Soldano costruisce una storia d’amore clandestina giocando con le luci e le ombre della vita reale.

La scelta di ambientare una storia d’amore omosessuale proprio in quel periodo è stata senza dubbio una scelta coraggiosa ed è il motivo per cui questo libro risulta interessante. I sotterfugi, il rischio di essere scoperti, il mantenere l’apparenza a tutti i costi: tutti questi elementi giocano per tenere alta l’attenzione del lettore.

Inoltre la penna della Soldano è di tutto rispetto: scorrevole e di facile lettura, con un linguaggio moderno e alla portata di tutti che promuoverei appieno se non fosse che, in alcuni punti, vengano usati dei termini fortemente volgari.

Forte la componente psicologica che inevitabilmente ne traspare: l’assolutezza dell’amore, i litigi, la passione, le incomprensioni che si risolvono nel sesso fanno pensare, ad un certo punto, ad un rapporto un po’ malato, di quelli che molto vogliono e nulla danno. Ma, con l’andare della lettura, questa sensazione viene completamente cancellata.

La prima parte del romanzo, più o meno fino alla metà, può risultare un po’ noiosa: le scene sembrano ripetersi in loop, cambiando solo qualche dettaglio. In particolare le tante (forse troppe) scene di sesso fin troppo descrittive che, alla lunga, stancano e disturbano.

Si riprende però nella seconda metà, con l’arrivo della Seconda Guerra Mondiale, in cui l’autrice ha giocato tutte le sue carte con una serie di colpi di scena ben orchestrati e riusciti.

  Come anima mai di Rossana Soldano è un libro che, da lettrice, ho abbastanza apprezzato ma che avrei volentieri sfoltito delle parti più lente. Rimane comunque la speranza che, prima o poi, ognuno trovi la sua Wonderland.


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Hope Edizioni
Pagine: 724
Prezzo: 19.90€
Voto: 7.5/10

0

Perché non l’hanno chiesto a Evans? – Agatha Christie

Perché non l’hanno chiesto a Evans? è un romanzo di Agatha Christie uscito nel 1935. Protagonisti della vicenda sono Bobby Jones e Lady Frances.

Bobby è un giovane che è stato in marina, tornato alla casa del padre vicario si destreggia tra lavoretti vari ed è d’accordo con un suo amico nell’aprire un negozio di auto usate. Un giorno mentre gioca a golf con il dottore del villaggio di Marchbolt sente un urlo provenire dalla scogliera lì vicino. Un uomo è precipitato nel vuoto e si trova sulla spiaggia morente. Bobby scende al suo capezzale e aspetta che arrivino i soccorsi chiamati dal dottore: l’uomo pronuncia le sue ultime parole “Perchè non l’hanno chiesto a Evans?” e spira.

Bobby non da peso a queste parole e nota che dalla tasca dell’uomo esce una foto: il ritratto di una donna bellissima che affascina Bobby. Poco dopo arriva uno straniero, Roger Bassinghton-ffrench, che si offre di prendere il suo posto a guardia del cadavere in attesa dei soccorsi, così che il giovane possa correre a casa e suonare l’organo in chiesa durante la messa.

L’aver assistito alla morte dell’uomo che viene riconosciuto dopo poco come Alex Pritchard dalla sorella Amelia coniugata Cayman, mette Bobby in una situazione difficile. Dopo l’inchiesta in cui il caso viene chiuso come incidente Bobby scopre che Amelia, colei che ha detto di essere la sorella del defunto, la cui foto era presente nel taschino di Alex, è completamente diversa dalla donna che lui aveva visto alla scogliera in fotografia. L’unico che può aver avuto modo di sostituire la foto deve essere stato Roger Bassinghton-ffrench.

Bobby si trova suo malgrado a dover indagare sul caso assieme all’amica di vecchia data Lady Frances, detta Frankie. Quest’ultima infatti è convinta che l’uomo sia stato spinto giù. Questa giovane coppia di investigatori in erba si troverà invischiata in finti incidenti, birre avvelenate, cliniche per la droga, individui loschi, donne indifese.

Agatha Christie si conferma la maestra del giallo: non mancano suspense e colpi di scena, equivoci, segreti e misteri. Il romanzo ha un ritmo incalzante che permette al lettore di arrivare all’ultima pagina chiedendosi quale sia la verità, sperando che i due eroi della vicenda riescano a risolvere tutto incolumi. Chi è Evans? Cosa si nasconde a casa dei Bassinghton-ffrench? Chi è davvero la vittima?

SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Mondadori
Pagine: 240
Prezzo: 11,50€
Voto: 8/10

0

La banda dei colpevoli – Sarah Savioli

La banda dei colpevoli di Sarah Savioli è un romanzo pubblicato il 5 luglio da Feltrinelli Editore.

Si tratta del terzo romanzo della serie Le inchieste degli insospettabili. I primi due romanzi sono Gli insospettabili (2020) e Il testimone chiave (2021).

L’Agenzia Investigativa Cantoni viene assunta da Lucia Calici, donna che ha perso sua zia Ines in un tragico modo: Ines, infatti, è stata ritrovata morta in casa sua, legata ad una sedia e imbavagliata. Causa della morte proprio il bavaglio e il modo in cui era stata legata che hanno provocato una crisi respiratoria causandone la morte.

Per le forze dell’ordine si tratta solo dell’ennesima rapina ai danni di anziani che vivono da soli, stavolta finita in tragedia. Ma per Lucia non è così: troppe cose non tornano e, conoscendo la sua famiglia, è convinta che il colpevole vada ricercato proprio tra di loro.

Così Cantoni, Tonino e Anna si ritrovano ad indagare su una famiglia i cui scheletri nell’armadio risalgono davvero a tanti anni prima. Una famiglia disgregata da segreti, bugie e accuse reciproche che pian piano verranno a galla.

Ma per Anna la vera lotta è quella con se stessa: conciliare il lavoro, la cura della casa e del piccolo Luca sembra un’impresa da titani. Tutto le sembra sfuggire al proprio controllo e i sensi di colpa affollano la sua testa.

Naturalmente a farle compagnia e ad aiutarla nelle indagini i suoi fidi animali e le sue piante, con cui Anna riesce a comunicare, e grazie ai quali, ancora una volta, riesce a venire a capo di tutto.

E che se ne importa se, stavolta, si trova invischiata in una guerra di potere tra gazze e topi? Ma, soprattutto, come fare se l’unico tuo testimone attendibile è un geco mitomane che si autoaccusa dell’omicidio?

photostudio_1658932645270-01

Sarah Savioli ci regala un romanzo originale che ben avvicina la componente gialla a quella della commedia, unendole e creando qualcosa di unico.

Un racconto investigativo ben scritto e che rispetta tutti i canoni del genere: suspense, colpi di scena, ritmo serrato che tiene incollato il lettore alle pagine. Ma non solo.

Una commedia ironica, leggera: la vita di Anna che si dipana nelle pagine, la sua famiglia, la sua bizzarra capacità di comunicare con gli animali e le piante.

Non manca, inoltre, una forte componente psicologica su cui il lettore si trova a riflettere. Portatori di queste riflessioni sono gli animali: loro conoscono gli umani, li osservano da sempre e li trovano assurdamente complicati. Per loro le cose sono facili e lineari, senza complicazioni. E giudicare il mondo umano è il loro passatempo. Grandi verità vengono pronunciate proprio da loro.

Il tutto perfettamente amalgamato da una scrittura fresca, ironica, a tratti sarcastica e irriverente. Un romanzo che regala ore di relax e che, per la sua originalità, viene divorato in poche ore.

La banda dei colpevoli di Sarah Savioli ha tutte le caratteristiche per essere considerata la perfetta lettura estiva: una fresca ventata in una torrida giornata di sole.


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Feltrinelli
Pagine: 238
Prezzo: 16.00€
Voto: 9/10

0

Kissing Song – Lea Landucci

Kissing Song di Lea Landucci è un romanzo pubblicato da Sperling & Kupfer lo scorso 7 giugno.

Si tratta del quinto lavoro dell’autrice: all’attivo ci sono due romanzi (Mai una gioia. Amori e altri inciampiUna gioia) e due novelle brevi (Mai dire mai Scappacuore).

Bianca ha venticinque anni e vive con il fratello e la nonna. Il suo sogno è quello di studiare effetti speciali per il cinema in una scuola americana.

Per esaudire il suo sogno ha bisogno assoluto di soldi e per questo la sera, indossata una parrucca nera, diventa Noir e lavora come cameriera in un locale spicy di Firenze.

Inoltre riesce a trovare anche un lavoro giornaliero: assistente del direttore della Song Cosmetics, un’azienda che produce prodotti per la cosmesi coreana.

Quello che ben presto diventa chiaro a Bianca, durante il lavoro alla Song Cosmetics, è che il direttore è un uomo ostile, contraddittorio e, soprattutto, pieno di segreti.

Segreti che Bianca deve assolutamente svelare. Anche se questo significherà mescolare pericolosamente le sue due identità.

photostudio_1658758285369-01

Lea Landucci ci porta per mano nella bella Firenze e ci accompagna tra le sue vie e tra i suoi segreti più reconditi.

Su questo bellissimo sfondo si muovono le vite di Bianca e Damiano in un intreccio persino più intricato di quello che il lettore può immaginare ma che la penna della Landucci dipana e racconta in maniera eccellente.

Per chi ha già familiarità con la penna dell’autrice ritroverà con piacere uno stile fresco, brioso, scorrevole e di facile lettura. Una narrazione capace non solo di raccontare ma persino di far vivere gli odori e i colori dell’intera storia.

Pur essendo un romanzo leggero non mancano tematiche importanti e attuali. Tra tutte spicca la lotta della comunità LGBTQIA+ per il riconoscimento dei loro diretti e come questo sia un problema anche in altre parti del mondo.

Non manca poi una severa critica al patriarcato e a come, soprattutto in Corea, la donna sia ancora trattata come un oggetto.

Ed infine, non per importanza, la tematica del lutto e di come lo si affronta, dei sensi di colpa e di come, dopo tutto, la vita vada avanti sempre e comunque.

Kissing Song di Lea Landucci è un romanzo dalle mille sfaccettature che regalerà al lettore una moltitudine di sentimenti con cui fare i conti anche a lettura terminata.


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 342
Prezzo: 9.90€
Voto: 9/10

0

Deep blue – Jennifer Donnelly

Deep blue è il primo capitolo della quadrilogia Warerfire saga, scritta da Jennifer Donnelly. I primi due capitoli sono stati pubblicati da Giunti editore, gli ultimi due risultano ancora inediti in Italia.

Prima protagonista della saga è Serafina, principessa sirena figlia della regina Isabella di Miromara. Ha solamente sedici anni e un destino segnato. Come tutte le sue antenate dovrà governare il suo regno e sancire l’alleanza con un altro popolo, i Matali, di cui sposerà l’erede Mahdi. Prima di tutto ciò dovrà però superare il Dokimì, una cerimonia a tappe in cui dovrà dimostrare di essere degna e, soprattutto, di essere di sangue reale.

E’ tutto pronto per la cerimonia, il momento si avvicina, Serafina rivedrà finalmente Mahdi dopo due anni, nessuno sa che lei è sinceramente innamorata del suo promesso sposo; solo la cugina di lui, Neera, ne è a conoscenza. Ma le notti di Serafina vengono infestate da incubi di streghe, mostri imprigionati e da una filastrocca che sembra parlare di lei e di altre cinque ragazze.

Arriva il giorno del Dokimì, Serafina ha i suoi dubbi su Mahdi, le sono arrivate voci di notti passate fuori, di baci scambiati con sirene bionde, di scherzi e malefatte del ragazzo assieme al cugino. Serafina vorrebbe parlarne con la madre, ma capisce di dover dimostrare a tutti di essere una futura regnante degna del suo popolo e non può rinunciare ad un’alleanza per un capriccio. Coraggiosamente affronta Mahdi e si prepara alla prima prova della cerimonia: la prova del sangue. Infatti esiste un mostro a Miromara, creato dalla potente Merrow, la progenitrice della stirpe reale e la prima regina del regno: il mostro è legato al sangue e assaggerà il sangue di tutte le principesse eredi al trono, per dimostrare che esse siano davvero di sangue reale. In caso così non fosse la malcapitata verrà mangiata dal mostro e uccisa. Una volta superata questa tremenda prova Serafina inizia a cantare un grande incantesimo: la magia delle sirene è legata al canto, con la voce e con la potenza di questa riescono a fare grandi incanti nel mare.

La cerimonia viene interrotta da un attacco dall’alto: tritoni in nero scagliano frecce avvelenate sui genitori di Serafina e tentano, riuscendo, di prendere il controllo del regno. Serafina fugge con Neera attraverso le onde, senza sapere bene il perchè di ciò che è accaduto e che il suo destino è legato indissolubilmente a quello di Neera e di altre quattro sirene provenienti dagli angoli del mondo.

Tra fughe, battaglie, travestimenti, iniziamo a conoscere la storia di un grande regno subacqueo e della gente che lo abita e governa. Serafina viene affiancata da Neera, sirena della luce, conoscerà poi altre quattro ragazze sue coetanee, anche loro con grandi poteri, destinate a grandi cose.

Deep blue si presenta come un primo capitolo molto interessante, non mancano gli elementi psicologici che permettono al lettore di conoscere meglio Serafina e Neera, così come il contesto ambientale e storico descritto da Jennifer Donnelly permette di scoprire appieno un nuovo mondo fatto di acqua e magia. Il finale lascia tutto in sospeso, prospettando una continuazione ricca di suspense.

SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Giunti
Pagine: 347
Prezzo: 12,90€
Voto: 7,5/10

0

La sorella minore – Catherine Hubback

La sorella minore di Catherine Hubback è un romanzo pubblicato l’anno scorso dalla casa editrice Vintage Editore.

Si tratta del primo volume di una trilogia che, partendo dal romanzo di Jane Austen I Watson, prova a dare vita a quella famiglia che era stata lasciata in bilico nel romanzo incompiuto.

Emma Watson è stata cresciuta da un ricco zio. Dopo la sua morte e le seconde nozze della zia si trova costretta a rientrare nella casa paterna.

Cresciuta diversamente dalle sorelle si troverà ad affrontare una mentalità che non approva: in una condizione come quella delle sorelle Watson l’unica arma per “salvarle” è il matrimonio. Ma Emma è ben decisa a tenersene alla larga, convinta che mai potrà sposarsi solo per denaro.

Naturalmente l’arrivo della giovane non passa inosservato: molti sono i curiosi che vogliono fare la sua conoscenza e molti sono i giovanotti che, attirati dalla sua bellezza, cercano di accattivarsi le sue simpatie. Non per ultimo alcuni membri dell’alta società.

Ma Emma sembra immune a tutto ciò: per lei quello che conta è mantenere la sua dignità, il suo carattere forte e deciso che sembra in netto contrasto con quello che la circonda ma, soprattutto, sentirsi veramente parte di quella famiglia per lei sconosciuta.

Ma se la parte razionale della giovane è ben salda nelle sue posizioni non si può dire certo lo stesso del suo cuore. E se il cuore inizia a battere, la ragione ha perso in partenza.

photostudio_1657832134570-01

Catherine Hubback, nipote della più celebre Jane Austen, riprende in mano il romanzo incompiuto della zia e cerca di regalare al lettore le stesse vibrazioni della pena austeniana.

L’esperimento è in parte riuscito: nei primi cinque capitoli l’autrice ripercorre, narrandoli a modo suo, i primi cinque capitoli dell’opera originale (I Watson, per l’appunto). Il seguito è tutto frutto del suo ingegno.

E se l’autrice è stata brava a ricomporre l’aria che si respirava nell’epoca vittoriana, con i suoi balli, i passatempi e anche le atmosfere, quello che manca, e che differenzia la scrittura della Hubback da quello della Austen, è quella sottile ironia con la Austen prendeva bonariamente in giro l’alta società inglese.

Il tentativo c’è ed è apprezzabile ma non all’altezza (e purtroppo il paragone diventa inevitabile).

Comunque sia il lettore si trova davanti un romanzo ben formato, piacevole da leggere e molto scorrevole. Merito, soprattutto, della traduzione effettuata dallo staff della casa editrice. Pare, infatti, che la versione originale inglese sia parecchio arzigogolata e non propriamente scorrevole (sarà forse questo il motivo per cui non era mai stata tradotta?).

Il risultato è notevole e lascia il lettore in attesa del seguito (che dovrebbe essere pubblicato a breve).

La sorella minore di Catherine Hubback è il romanzo perfetto per gli amanti del genere. Ma, soprattutto, per chi come me è amante di Jane Austen e si è chiesto, in più occasioni, cosa ne sarebbe stato della famiglia Watson.


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Vintage Editore
Pagine: 247
Prezzo: 15.00€
Voto: 8/10

0

Io sono la mela – Beatrice Masini

Io sono la mela – Una storia di Saffo è una storia scritta da Beatrice Masini e illustrata da Pia Valentinis. Saffo è una poetessa, una delle poche e sicuramente l’unica di cui abbiamo testimonianza, del VII secolo A.C.. Le notizie sulla sua vita sono poche, a noi sono giunti suoi frammenti. Quello che fa Beatrice Masini accompagnata dai colori e dalle tavole di Pia Valentinis è il tentativo di raccontarne la vita attraverso alcuni momenti salienti che vengono intessuti nella leggenda.

Inizia così da quando viene al mondo, figlia di Cleide e Scamandrio: dal padre, Saffo ha preso il colore scuro della pelle. Viene chiamata così: Saffo, che significa sapiente ma che è anche un termine alternativo per dire zaffiro. Cresce amata dalla madre, circondata dai suoi fratelli. Viene costretta ad un esilio verso la Sicilia di cui non sa bene neanche lei il motivo, quando è molto piccola. Impara ad amare la scrittura, la poesia, i versi, grazie al maestro Focas. Vorrebbe dedicarsi a queste attività per sempre, ma in quanto figlia di una buona famiglia deve sposarsi: si sposerà e avrà dei figli.

Tra questi c’è Cleide, con lo stesso nome di sua madre, Cleide che amerà per sempre. Vedere crescere la figlia non è semplice, questa diventerà grande e seguirà le sue orme di donna, sposandosi e mettendo al mondo dei bambini, allontanandosi dalla casa materna. Così Saffo decide di aprire una scuola in cui le ragazzine di buona famiglia possano essere educate e imparino le arti, la poesia, il ricamo, la danza. Saffo spera che per loro sia un preludio benevolo prima di entrare in una nuova famiglia. Pazienza se ogni ragazzina che vedrà danzare nei cortili della sua casa, dopo aver vissuto nel gineceo, lascerà il nido come una colomba, abbandonandola.

Viene poi affrontato il legame con Alceo, suo contemporaneo: la maturità e la vecchiaia di Saffo. Il racconto è lineare, molto profondo e arricchito da particolari che spingono il lettore a immaginarsi le scene raccontate. Il tutto è leggenda, può essere interpretato, si può dare un’interpretazione alle parole e ai versi di Saffo. C’è chi l’ha considerata cantante dell’amore platonico tra donne, Beatrice Masini decide in Io sono la mela di concentrarsi sull’affetto filiale che la protagonista instaura con le sue allieve. Un amore che è più affetto e che non sembra andare oltre.

Non si sa cosa sia vero in realtà, ma ciò che conta è che Saffo è stata una poetessa di grande bravura e le sue poesie, quel poco che è giunto fino a noi, meritano di essere lette. Io sono una mela si presta ad essere apprezzato da lettori adulti ma anche dai più piccoli, per la ricchezza delle sue illustrazioni.

SCHEDA DEL LIBRO

Editore: RueBallu
Pagine: 110
Prezzo: 19
Voto: 8/10