1

Noi siamo tutto – Nicola Yoon, tra pagine e pellicola…

Il libro scelto dal nostro gruppo come lettura del mese è “Noi siamo tutto” di Nicola Yoon (titolo originale: “Everything Everything”) e ve ne parlerò approfittando del fatto che la sua trasposizione cinematografica ha lasciato da poco le sale di tutto il mondo!

DSC_0003

Il libro infatti, al momento, viene distribuito con la locandina del film in copertina mentre in precedenza, la copertina, si limitava al titolo con il decoro floreale che comunque si può tutt’ora osservare.

La protagonista è Maddy, una diciotenne americana che non ha mai messo piede fuori di casa perchè affetta da una rarissima patologia che la rende allergica al mondo visto lo scarsissimo sistema immunitario che ha. Vive in una casa interamente studiata per non farle pesare questa sua malattia: vetrate per tutte le pareti, ogni genere di comfort e, soprattutto, depuratori d’aria che le permettono di non respirare batteri e germi di alcun tipo. La tranquilla vita di Maddy però verrà stravolta con l’arrivo dei suoi nuovi vicini di casa il cui figlio, Olly, incuriosito dalla ragazza, cercherà di avvicinarla con ogni mezzo mettendo anche a rischio la salute di Maddy.

spoileralert

No, mi fermerò qui perchè una parola di troppo potrebbe spoilerarvi lo SCONVOLGENTE finale del libro!

Una particolarità di questo libro è l’impaginazione e il modo in cui è stato organizzato. Chiaramente, Maddy è segregata in casa, quindi la maggior parte delle conversazioni tra lei e Olly avviene attraverso sms, email e messaggi via chat. Per non renderli solo come una banale lista di messaggi, tutti gli sms o le schermate internet che vengono consultate dalla ragazza nella storia, vengono disegnate esattamente come dovrebbero essere nella realtà.

DSC_0002

DSC_0001

Questi sono solo due esempi, ma il libro ne è pieno!

Nonostante si tratti di una storia d’amore adolescenziale, questo aspetto non pesa al lettore e la narrazione è davvero scorrevole anche grazie a queste illustrazioni inserite tra un capitolo e l’altro.

original

Maddy e Olly in una scena del film.

Il film ha fortunatamente mantenuto la stessa trama senza stravolgere irreparabilmente nulla. Forse, un tema che viene toccato poco, è quello della famiglia di Olly di cui si sa veramente poco, mentre dal libro è possibile farsi un’idea molto più dettagliata della relazione travagliata tra i suoi genitori.

Molto belli i colori e le musiche scelte come colonna sonora. Nonostante questo, il film non mi ha particolarmente colpito perchè momenti abbastanza drammatici sono stati resi con scene veloci e poco dettagliate mentre dal libro, ovviamente, i momenti di pathos si percepiscono tutti nei momenti giusti e con la dovuta intensità.

Ho apprezzato invece la scelta di rendere gli sms tra Maddy e Olly come se fossero un dialogo tra i due in un luogo della loro immaginazione, una stanza in cui solo loro possono accedervi. Altrimenti, sarebbe stata un’ora e mezza di film in cui avremmo dovuto leggere solo tanti messaggi sullo schermo.

E’ comunque un film da vedere almeno una volta, mentre il libro è da acquistare e conservare perchè le illustrazioni sono davvero ben fatte e a volte spiegano perfettamente lo stato d’animo di Maddy.

20992936_10213784136378256_7056382971618988067_n


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 310
Prezzo: 17,90€

Annunci
1

Valerian e la Città dei Mille Pianeti – Christie Golden. Tra fumetto, film e libro…

Prima di cominciare a leggere questa recensione, cliccate qui e fate partire la giusta colonna sonora per questa lettura 🙂

DSC_0003

Oggi vi parlo di Valerian, un titolo di cui sono venuta a conoscenza grazie all’uscita dell’omonimo film (che tra l’altro, trovate ancora nelle sale!).  Premetto che la fantascienza non è il mio genere, ma questo mi aveva davvero incuriosita vista la trama e le ambientazioni incredibili.

Valerian è  proprio il nome del giovane protagonista, un agente speciale degli umani che lavora in giro per lo spazio con la sua partner Laureline. Il loro compito è quello di mantenere l’ordine dell’universo, soprattutto in seguito ad alcuni disordini dovuti ad alcune misteriose forze oscure che non vedono di buon occhio questa unione tra le varie specie viventi. Nonostante il continuo rifiuto da parte di Laureline, Valerian continua costantemente a fare avances alla sua partner, sperando di abbattere quelle barriere che li costringono ad essere solo due semplici colleghi. Infine, inviati nella metropoli di Alpha per una missione, i due agenti si ritroveranno ad affrontare quelle stesse forze oscure che minacciano l’equilibrio e la pace intergalattica.

279500

Gli agenti Valerian (Dane Dehaan) e Laureline (Cara Delevingne) in una scena del film.

“Valerian e la Città dei Mille Pianeti” è il titolo del libro che, bisogna specificare, è basato sul film. Ebbene si, di solito si ha sempre il processo inverso, un libro come base di partenza per la creazione di una pellicola. In questo caso invece il processo è stato completamente diverso.

La storia di Valerian nasce infatti da un fumetto degli anni ’60 creato da Pierre Christin e dal disegnatore Jean-Claude Mézières e intitolato “Valèrian et Laureline”. Anche in questo caso la storia narra le vicende del giovane Valerian alle prese con varie missioni ai confini dell’universo insieme alla sua partner Laureline (qui con dei brillanti capelli rossi).

 

valerian_feat-1024x580

Al centro, Laureline e Valerian nel fumetto originale.

Ricapitolando quindi, in ordine cronologico abbiamo: fumetto, film e libro.

Nonostante si tratti quindi di una trasposizione letteraria di quella che è invece a sua volta la trasposizione cinematografica del fumetto, il libro risulta molto scorrevole e davvero ben scritto.

Non è la prima volta che vengono pubblicati libri basati su film o su videogiochi (si veda la saga di Assassin’s Creed, di cui, all’incirca per ogni gioco per console uscito, si ha un libro che ne descrive gli eventi), ma in questo caso davvero non si nota o percepisce questo dettaglio. Le descrizioni sono precise e dettagliate e la narrazione non si limita ad una sterile trasposizione scritta delle scene del film.

Un libro che consiglio: vivace e scorrevole, dolce e allo stesso tempo simpatico. Riuscirà Valerian a conquistare la bella Laureline? Lo scoprirete solo leggendo… o andando a cinema! 😛

DSC_0002


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 300
Prezzo: 17,90€

0

Come vivo ora – Meg Rosoff, tra pagine e pellicola…

DSC_0001

Di solito i libri di poche pagine non mi convincono mai appieno. Si leggono in meno tempo, ma mi chiedo sempre come sia possibile delineare dei personaggi e una storia a cui affezionarsi davvero in poche righe. Inizio quindi a leggere piena di pregiudizi e un po’ scettica e devo dire che, nella maggior parte dei casi, quei pregiudizi si sono scoperti veritieri.
Nel caso di Come vivo ora, invece, in poco meno di 180 pagine, si viene catapultati in un mondo afflitto dalla piaga di una guerra tra Nemici sconosciuti, riuscendo a percepire perfettamente il disagio del conflitto e cosa sono costretti a subire i civili che sperano solo nella fine delle ostilità.

7487aafc775d900cd0435516e1a74fb7

Piper e i suoi fratelli corrono in una scena del film

I protagonisti sono dei ragazzi, una in particolare, Daisy, che si è trasferita dall’America all’Inghilterra per passare le vacanze con dei cugini che non ha mai visto prima. Durante la sua permanenza nella tenuta di campagna della zia, Daisy si ritrova a conoscere questi suoi strani quanto adorabili parenti: Piper, la piccola della casa, dolce e socievole; Isaac, un ragazzino silenzioso che ama gli animali al punto di capirli con un solo sguardo; Edmond, gemello di Isaac, più spigliato rispetto al fratello; Osbert, il fratello maggiore e unico personaggio entusiasta della guerra. La giovane Daisy, con problemi di autostima e anoressia, viene travolta dall’energia dei cugini che la coinvolgono in gite al lago e scampagnate all’insegna del divertimento. E’ in questo contesto che Daisy scopre cos’è l’amore, avvicinandosi al cugino Edmond, ricambiata.
Durante la permanenza di Daisy, la zia parte per questioni di lavoro e i ragazzi si ritrovano a gestire la tenuta da soli fino a quando il conflitto non raggiunge anche le sperdute campagne inglesi e la loro casa viene sequestrata dai militari con l’intento di renderla una base operativa.
I ragazzi verranno separati, subiranno violenze e patiranno la fame ma andranno avanti con l’unico intento di ritrovarsi a tutti i costi.

giphy-2

Il cugino Isaac, nel film interpretato da Tom Holland

La cosa che risulta forse difficile al lettore, è immaginarsi questa storia ambientata nel nostro mondo e ai giorni nostri. Non si tratta infatti di un vero e proprio romanzo distopico, non c’è una nuova società o una nuova Terra. Tutto è ambientato nella reale Inghilterra, ma il velo di mistero che si crea attorno a questo fantomatico “Nemico” resta irrisolto dall’inizio alla fine del libro. L’importanza, infatti, non viene data a chi ha generato il conflitto, bensì a cosa devono sopportare coloro che non c’entrano nulla con la guerra.

Si tratta di una narrazione molto scorrevole e realistica. Gli episodi descritti tengono il lettore incollato ad ogni parola fino a farlo commuovere per ogni difficoltà che i ragazzi devono affrontare pagina dopo pagina.

Ma veniamo a noi…

Nel 2013, da questo romanzo è stato tratto un film, intitolato anch’esso “Come vivo ora”.
photo_09Nonostante io abbia letto prima il libro e poi abbia guardato il film, in realtà sono venuta a conoscenza prima di quest’ultimo. La pellicola infatti, nonostante sia stata abbastanza snobbata dalla critica, presenta, nel ruolo della giovane Daisy, un nome importante come quello di Saoirse Ronan (Espiazione, Amabili Resti, The Host, Grand Budapest Hotel).

Ma questo film mi è piaciuto o no?

La risposta è: SI, ma è come se si trattasse di una storia completamente diversa. E non sto parlando di dettagli irrilevanti dimenticati dal regista durante la trasposizione, parlo di personaggi inventati, protagonisti ammazzati inutilmente e isterismi inutili inseriti per condire il tutto tra una cosa e l’altra.

Per prima cosa, la gerarchia dei fratelli è completamente cambiata: Piper resta la più piccola; Isaac diventa il fratello intermedio ed estroverso pronto a coinvolgere l’intera famiglia in una battuta di pesca con un entusiasmo che neanche i bambini il giorno di Natale; Edmond diventa il fratello maggiore introverso con uno sguardo da ragazzo complesso che solo a vederlo ti viene la sconfidenza ma no, Daisy lo trova irresistibile.

Ma il cambiamento più incredibile da libro a film, in fondo, non lo subiscono i cugini, bensì la stessa Daisy, che arriva dall’America con questo stile emo/alternativo da adolescente degli anni 2000 e con problemi mentali non indifferenti che la portano ad una ossessione maniacale per la pulizia e l’autocontrollo auto-inflitto attraverso frasi-mantra ripetute nella mente all’infinito. Addio tenera Daisy che prende per mano Piper per andare in giro per le campagne inglesi, benvenuta isterica pazza col tasso di acidità di uno yogurt andato a male!

giphy

Saoirse Ronan nei panni di Daisy in una scena del film

Non mi esprimerò sul finale del film che rasenta la fantascienza. E’ un finale commovente e di per sè anche bello, ma COMPLETAMENTE differente da quello del libro, nel bene e nel male!

20246267_10213501883002098_377634343782948021_n

Da sinistra: Piper, Isaac, Daisy ed Edmond

In conclusione, leggete il libro e guardate il film consapevoli di stare per guardare una storia che c’entra poco con quella originale, a parte per pochi dettagli e una linea guida generale!

giphy-1


 

SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Feltrinelli
Pagine: 176
Prezzo: 13,00€

1

“13 Reasons Why/Tredici” di Jay Asher, tra pagine e puntate su Netflix

DSC_0066

Ormai fenomeno mondiale, 13 Reasons Why è diventato in pochissimo tempo il telefilm più discusso sul web. Tredici episodi che hanno scatenato un inferno di dibattiti su un tema difficile e scomodo come quello del suicidio. C’è chi lo consiglia per creare una maggiore consapevolezza sul tema o chi lo sconsiglia perchè potrebbe generare l’effetto opposto, ovvero una sorta di incitamento. Da qualsiasi parte si stia, non si può negare però che si tratti dell’ennesimo successo di Netflix!

tumblr_onrvtuww1p1qgq3h0o1_540

Clay davanti all’armadietto di Hannah.

Ma 13 Reasons Why, prima di diventare una serie tv, è prima di tutto un libro scritto da Jay Asher!

La storia è tra le più particolari che ci siano e anche il modo in cui è scritta lascia il lettore piacevolmente sorpreso.
Vengono narrate le vicende di Hannah Baker, una studentessa del liceo che si è suicidata lasciando delle testimonianze che spiegheranno i motivi della sua decisione. CALMI TUTTI, non si tratta di uno spoiler. Hannah è già morta quando il libro comincia e la narrazione ruota tutta intorno a questo evento. La ragazza ha infatti inciso 13 registrazioni su cassette prima di togliersi la vita per spiegare i 13 motivi che l’hanno spinta al suicidio. Queste motivazioni in realtà sono tutte legate a delle persone che la ragazza ha incontrato a scuola e che in qualche modo hanno avuto a che fare con lei e le hanno fatto dei torti che hanno avuto grosse ripercussioni sulla sua vita. Queste cassette vengono inviate al primo “colpevole”/protagonista della prima registrazione, vengono ascoltate e infine il suo compito è quello di impacchettarle di nuovo e spedirle al secondo protagonista delle registrazioni, così via fino all’ultimo colpevole. Il co-protagonista della storia è però Clay Jensen, un amico di Hannah e protagonista dell’undicesima registrazione, che si ritrova questo pacco di cassette davanti alla porta di casa. Il libro è quindi un alternarsi di pensieri di Clay e di pezzi delle registrazioni narrati da Hannah. Verità sconvolgenti sugli studenti più insospettabili verranno rivelate dalla ragazza fino a quando Clay non finirà di ascoltare tutte le cassette e dovrà inviare il pacco all’ascoltatore successivo.

tumblr_onthqsO4T71sgaqfho4_r1_540

Clay inizia ad ascoltare la cassetta n.1

Il telefilm arriva dove il libro non ha potuto indagare oltre. Per riempire tredici episodi, dopotutto, bisognava ampliare il background di ogni personaggio, no? Piccoli dettagli vengono cambiati, com’è normale che sia, ma una scena in particolare vi lacererà il cuore in mille pezzi: la scena del suicidio di Hannah. Non andrò oltre, per il rischio di fare spoiler, ma siate pronti a versare fiumi di lacrime!

large

Hannah Baker

Colonna sonora impeccabile, momenti toccanti e colpi di scena continui. La serie è un piccolo gioiello e preghiamo tutti insieme che non ne venga fatta una seconda stagione (come invece si vociferava), perchè non avrebbe assolutamente senso.

Rispetto al libro, tutto viene reso in maniera più realistica. Più che giustificato è infatti l’improvviso odio che provano i vari “colpevoli” nei confronti di Clay, quando scoprono che sta ascoltando le cassette (il motivo non ve lo rivelerò!).

Lo stesso Clay, che nel libro è un ragazzo molto tranquillo e sensibile, nel telefilm mantiene questi tratti ma viene sopraffatto continuamente da una rabbia che sfocia in comportamenti ribelli.

tumblr_oo4xrapysf1vhdq1jo3_r1_540

E’ difficile mantenersi imparziali su una storia del genere perciò, esprimendo un mio parere personale, dirò che è una storia che va conosciuta. Leggete il libro, guardate il telefilm, quello che volete, davvero. Fatela vedere a chi parla a sproposito su tutto e tutti e fate capire loro quanto ogni azione che compiamo può avere un effetto sulle vite di chi ci circonda, anche non intenzionalmente. Certo, Hannah Baker si trovava in una scuola di deficienti, ipocriti e stalker come pochi, ma anche se vengono descritti avvenimenti molto pesanti quali episodi di stupro e bullismo, leggerete episodi “meno pesanti” le cui ripercussioni sono comunque notevoli.

Ora, bando alle ciance, alzate il volume e cliccate qui per ascoltare una delle tracce strappalacrime della colonna sonora, cantata da Selena Gomez, nonchè produttrice della serie.

SCHEDA DEL LIBRO:
Autore: Jay Asher
Editore: Mondadori
Pagine: 240
Prezzo: 17€

tumblr_oo2by2ldrY1w0kxlko1_500

Un saluto da Tony, il nostro stalker di quartiere 😉

3

Attenta a quello che desideri, Coraline Jones!

coraline_doll
Chi non ha mai desiderato di cambiare qualcosa della propria vita? Anche solo un piccolo dettaglio?

Ma desiderare qualcosa di diverso da quello che si ha già e scappare dalla realtà delle cose, alle volte, porta solo guai, ed è questo il messaggio nascosto dietro questo breve capolavoro scritto da Neil Gaiman!

dsc_0028

*RISCHIO SPOILER*

La piccola Coraline Jones, curiosa e avventurosa ragazzina di città, trasloca con i suoi genitori in una bizzarra casa rosa di campagna. Appena trasferiti, i genitori della piccola si rimettono al lavoro sui loro computer dando a Coraline poche attenzioni. La bimba decide così di avventurarsi in giardino, zona ancora inesplorata della casa, e qui conosce il giovane Wybie, un impertinente ragazzo la cui nonna è la proprietaria dei “Pink Palace apartments”, la casa rosa divisa in appartamenti in cui abitano la famiglia di Coraline, un domatore di topi da Circo e una coppia di vecchie soubrette degli anni ’30. Wybie regala a Coraline una bambola di pezza che le somiglia spaventosamente dicendole di averla trovata in soffitta e di aver pensato subito a lei. Sempre in cerca di attenzioni da parte dei genitori, la piccola Coraline scopre una porticina nascosta dietro la tappezzeria del salone e costringe la madre ad aprirla, speranzosa di trovarvi chissà quale luogo pronto per essere esplorato. Si trova però davanti ad un muro di mattoni e demoralizzata chiude la porticina scatenando ennesime lamentele da parte della madre. Durante la notte però, sentendo rumori sospetti, Coraline si avvicina alla porta in salone e scopre che il mattoni che aveva trovato la mattina stessa, avevano lasciato spazio ad un corridoio nascosto. Incuriosita, vi entra e si ritrova in un salotto identico a quello di casa sua. Tutta la casa è esattamente come quella della sua famiglia, solamente più colorata e vivace. In questo strano mondo parallelo, la piccola ritrova anche i suoi genitori, ma in una veste diversa: sono l’Altra-Madre e l’Altro-Padre, due figure identiche a quelle dei suoi veri mamma e papà ma con un paio di bottoni neri cuciti sugli occhi. L’Altra-Madre e l’Altro-Padre cercano di ingraziarsi Coraline con doni, giochi e attività che fanno scaturire nella piccola, il desiderio di non tornare più a casa. Inizia così un periodo di continue visite alla casa dei suoi Altri-Genitori, tra divertimenti e banchetti prelibati, tutte cose che nella sua vita normale non avrebbe mai. I toni cambiano però quando Coraline si rende conto che l’Altra-Madre vuole averla tutta per sè per cucirle un paio di bottoni sugli occhi. Tornando a casa attraverso il corridoio dietro la porta, la piccola nota che i suoi veri genitori sono spariti. Li trova solo poco tempo dopo dietro ad uno specchio, ma non sapendo come salvarli, si lascia prendere dallo sconforto. Solo dopo essersi fatta forza, capisce che le risposte le riceverà sicuramente nell’Altro-Mondo e si avventura per un’ennesima volta, stavolta per sfidare l’Altra-Madre e farsi riconsegnare i suoi genitori. Il gioco è semplice: Coraline deve ritrovare in poco tempo le tre anime dei tre bambini che l’Altra-Madre aveva ucciso in passato con lo stesso tranello inflitto a Coraline, altrimenti la piccola dovrà farsi cucire i bottoni sugli occhi e dovrà vivere con l’Altra-Madre per sempre. Dopo varie peripezie e scontri, Coraline riesce a trovare le tre piccole biglie che custodiscono le anime e scappa dal mondo, richiudendo a chiave la porticina. Le disavventure però non sono finite! Nonostante il ritorno dei suoi veri genitori, Coraline si rende conto di essere seguita dalla mano dell’Altra-Madre che si era staccata durante lo scontro finale. La mano punta a rubare la chiave a Coraline per poter riaprire la porta, ma la furba bambina con uno stratagemma, fa cadere mano e chiave in fondo ad un pozzo nascosto in giardino. Le avventure sono finalmente terminate e Coraline si ritrova ad apprezzare tutto d’un tratto quello che ha senza volerne cambiare una virgola.

     

*FINE SPOILER*

b0b158a88e59657c052ecff22c5cb89e

La stramba casa rosa di campagna.

Coraline è un romanzo horror/fantasy per ragazzi e di certo non lo consiglierei a dei bambini. Nonostante il messaggio sia adatto a tutti, soprattutto ai più piccoli, il libro si presenta molto inquietante con descrizioni di luoghi misteriosi e dark.

tumblr_m39makzi3n1qeyb9ho1_500

La piccola Coraline.

 Nel 2009 vi fu una trasposizione cinematografica del racconto. Il regista Henry Selick decise di utilizzare la tecnica dello Stop-Motion. Ogni singolo oggetto era realizzato quindi in un materiale simile alla plastilina in modo tale da poterne modificare le pose e la forma a piacimento del regista. Per realizzare quindi una semplice scena in cui Coraline camminava, bisognava spostare in avanti un poco la gamba, riprendere per una frazione di secondo, interrompere la ripresa, spostare di nuovo la gamba un po’ più avanti rispetto alla mossa precedente, riprendere per un’altra frazione di secondo, interrompere nuovamente la ripresa e così via fino a ottenere una scena fluida di pochi secondi in cui la bambina muoveva solo qualche passo in avanti.

11c53c2c0fa0c6941a799d254591f3fa

da6733bca5ddae42cea0d4212a2045994b5e093d

tumblr_mru3hz1cpq1r3rloeo1_540

Il film e la scelta di realizzarlo in 3D, resero, se possibile, ancora più inquietante l’Altra-Madre, le cui mani, alle volte ossute, alle volte formate da aghi e spilli, si spingevano fuori dallo schermo fino a ghermire il pubblico! 

tumblr_mvbt3nmiem1s0zfc0o1_500

La mano dell’Altra-Madre scappa e insegue Coraline per rubarle la chiave della porta.

“Tu non capisci, vero? Io non VOGLIO tutto ciò che desidero. Nessuno lo vuole. Non veramente. Che divertimento sarebbe, se potessi avere tutto ciò che desidero, senza problemi? Non avrebbe nessun VALORE.”

[Coraline]

Una frase che in breve racconta un’intera avventura! In meno di 200 pagine, Neil Gaiman riesce a trasmettere un messaggio importante per grandi e piccini. Le grottesche descrizioni e i luoghi fantastici, rendono questo racconto scorrevole e intrigante. Il film, non da meno, riesce a trasmettere al 100% le ambientazioni descritte nel libro. 

image544068607fefd7-62298179

Ciliegina sulla torta? Una colonna sonora dai cori senza senso, scritta in una lingua inesistente, che rende la visione più suggestiva e inquietante allo stesso tempo! (Per ascoltarla, cliccare qui).

A presto e alla prossima lettura! :3 

tumblr_o56bk7ealy1tmz94vo1_500
Editore: Mondadori
Pagine: 184
Prezzo: 10,50 euro

tumblr_n0joq2wmcl1trbrgco1_500

0

E se le sorelle Bennet andassero a caccia di zombie?

Sembra l’inizio di una barzelletta invece non lo è!

Quando lessi per la prima volta il titolo di questo libro, pensai di aver avuto un’allucinazione o chissà cosa. Poi rilessi bene ed eccolo là: Orgoglio (e va bene) e Pregiudizio (e ok) e Zombie (CHE COSA?!).

65990164_wtf_gif

Tutti conoscerete il celebre romanzo di Jane Austen e l’altrettanto famoso incipit:

“È cosa nota e universalmente riconosciuta che uno scapolo in possesso di un solido patrimonio debba essere in cerca di moglie.”

-Orgoglio e Pregiudizio-

e poi c’è lui… la sua controparte “non morta” editata a tema:

“È cosa nota e universalmente riconosciuta che uno zombie in possesso di un cervello debba essere in cerca di altro cervello.”

-Orgoglio e Pregiudizio e Zombie-

Non inserirò nessun “PERICOLO SPOILER” perchè il libro in realtà non si discosta assolutamente da quella che è la trama originale anzi, è forse l’unico libro che promette tutto già dal titolo: non troverete niente di diverso da, appunto, “Orgoglio e Pregiudizio” e dagli zombie.

Le sorelle Bennet sono sempre 5, vivono sempre nell’Heartfordshire, alla morte del padre dovranno comunque cedere la loro casa al cugino parroco noto come Signor Collins e la loro esistenza sarà comunque scombussolata dall’arrivo del Signor Darcy e del Signor Bingley.

Dove si trova la differenza? Semplice: la Gran Bretagna è invasa dagli zombie e le allegre sorelle sono state addestrate in Cina alle arti del combattimento mortale.
E già da qui, non si può non amare il trash che vagamente aleggia nell’aria.

DSC_0001

Daryl Dixon di “The Walking Dead” visibilmente provato dalla vista del libro.

Se vogliamo poi aggiungere che uno dei più importanti temi di conversazione e dibattito tra personaggi in tutto il libro sia la sostanziale differenza tra l’addestramento mortale ricevuto in Giappone e quello invece che si può ricevere in Cina, bhè… non ne usciamo più.

Il libro risulta scorrevole e riprende INASPETTATAMENTE parecchi dialoghi e battute del romanzo originale. Tralasciando le trashate, sembra quasi una rilettura, in quanto, come detto precedentemente, non c’è niente di più di “Orgoglio e Pregiudizio” e di qualche zombie random piazzato qua e là.

Gli zombie del libro sono umani che sono stati colpiti da un’infezione o sono stati morsi e si trasformano man mano, anche piuttosto lentamente, rimanendo però abbastanza coscienti. Per dire, alcuni di questi parlano mentre sono già in decomposizione…

Ma coroniamo il sogno di ogni adoratore del genere! So che molti speravano in questo ed eccovi accontentati:

pregiudizio_zombie

Ebbene si! Esiste una trasposizione cinematografica di questa grandissima opera! *_*

Ma qui limiterò il sarcasmo e vi annuncerò che il film è anche piuttosto piacevole…

Dopo una lettura tremenda come quella non mi aspettavo di certo un film peggiore e infatti mi sono ritrovata davanti ad un film breve e simpatico. Insomma, mentre lo guardi non stai li a pensare a come Jane Austen si stia rivoltando nella tomba.

ppz-06

Elizabeth Bennet e le sue sorelle in una scena del film.

Il cast è anche piuttosto conosciuto e penso che la scelta sia stata studiata a tavolino per rendere più appetibile il film ai botteghini. Elizabeth Bennet è interpretata da Lily James, conosciuta ormai al pubblico come la nuova Cenerentola della Disney. Il ruolo di Mr. Bingley è stato affidato al belloccio Douglas Booth (Romeo e Giulietta, Noah, Posh), mentre il caro cugino Mr. Collins è interpretato dal fenomenale Matt Smith che nel mio cuore sarà sempre l’Undicesimo Dottore di Doctor Who.

tumblr_moo0h4FVEm1spm3w2o1_500

In sostanza, è una di quelle rare volte in cui faccio passare il film ma il libro lo boccio. Volevo salvarlo, giuro, ma no. DECISAMENTE NO.

Ma almeno mi ha fatto spuntare la sfida del libro con gli zombie dalla Challenge 😛

Alla prossima, spero con un libro meno ignorante…

tumblr_o0xkyeqpCR1qb15ujo2_500

Mr. Darcy ed Elizabeth Bennet.

4

La Straordinaria Invenzione di Hugo Cabret, tra pagine e pellicola

Quando ci si trova davanti ad un film tratto da un libro le reazioni dei lettori sono molteplici: c’è chi inorridisce anche solo al pensiero di vedere il proprio libro preferito trasposto sul grande schermo, chi invece non vede l’ora di ammirare in carne ed ossa i personaggi che fino ad allora ci si era solo immaginati, chi parte prevenuto e sa già che il libro è sempre meglio e chi invece, tranne in rari casi, considera libro e film due cose separate e continua ad apprezzare entrambi senza la necessità di dover condannare qualcuno per le proprie preferenze. Io mi reputo parte di quest’ultima categoria ed è per questo che nella maggior parte dei miei articoli troverete paragoni tra libri e i loro rispettivi film. Tanto lo sappiamo, gli unici che tutti condanneremo sono quelli che guardano solo film perchè non vogliono leggere!

Disonore su di voi, disonore sulle vostre famiglie e disonore sulle vostre mucche!

tumblr_min3tppdAw1rv7cdvo1_500

Per puro caso oggi mi sono imbattuta nel libro “La Straordinaria Invenzione di Hugo Cabret” da cui è tratto il film “Hugo Cabret”, distribuito nelle sale italiane nel lontano 2011. Il film è un must del palinsesto natalizio dei canali tv, quindi vi sarà capitato di imbattervi almeno una volta nella sua pubblicità, il libro invece è parecchio snobbato nonostante si tratti di un’ottima lettura per ragazzi.

12737131_10208454591302960_1022475956_o

La storia è quella di Hugo, un bambino rimasto orfano, che vive nascosto nella stazione di Parigi. Hugo si occupa del controllo di tutti gli orologi della stazione a insaputa di chi vi lavora e passeggia ogni giorno e, nel tempo libero, aggiusta un automa, ovvero un piccolo uomo robot, che il padre aveva trovato poco prima di morire. Tra un furto di bulloni e l’altro, Hugo conosce il proprietario del chiosco dei giocattoli della stazione e la sua figlioccia Isabelle, che lo accompagnerà in un’avventurosa ricerca alla scoperta di cosa si cela realmente dietro il mistero dell’automa e del suo messaggio nascosto.

Hugo-Trailer-Gifs-the-invention-of-hugo-cabret-23794860-500-235.gif

Il libro è una piccola opera d’arte che alterna capitoli narrati e bellissimi disegni che immortalano ciò che non viene descritto a parole dall’autore. La narrazione è scorrevole e i vocaboli sono semplici, proprio perchè si tratta di un libro rivolto soprattutto ai più giovani.

hugo-cabret-533

E’ uno di quei casi in cui posso dirvi che libro e film combaciano alla perfezione. Nulla è stato travisato nel passaggio dalla carta alla pellicola e anzi, ogni singola parola è stata trasposta perfettamente e potrete trovare interi passaggi del libro all’interno dei dialoghi.

A volte la sera vengo qui anche se non devo regolare gli orologi, solo per guardare la città. Mi piace immaginare che il mondo sia un unico grande meccanismo. Sai, le macchine non hanno pezzi in più. Hanno esattamente il numero e il tipo di pezzi che servono. Così io penso che se il mondo è una grande macchina, io devo essere qui per qualche motivo. E anche tu.

La dolcezza e la furbizia del protagonista sono presentati al pubblico da (all’epoca molto giovane) Asa Butterfield, che con i suoi occhi azzurri e innocenti ti fa quasi innamorare involontariamente del piccolo Hugo.

Asa-Butterfield

La giovane Isabelle è invece Chloe Grace Moretz, conosciuta con gli anni al pubblico per aver interpretato personaggi come Hit Girl nel film di anti-supereroi “Kick Ass” e per la recente interpretazione di Carrie nell’omonimo film basato sul romanzo di Stephen King.

tumblr_lzrpewqBVz1qgyx22o1_500

Film come “Hugo Cabret” sono un vanto anche per l’Italia! La scenografie degli italiani Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo gli hanno fatto vincere 1 su 5 Premi Oscar (su 11 Nominations) nel 2012.

tumblr_mvmu3sG8Lc1re6b50o1_500

Tra le scenografie in mostra compaiono i grandi orologi usati per il film.

Se siete curiosi di fare un viaggio all’interno del mondo dei primi cortometraggi, degli automi e degli illusionisti, vi consiglio questa magica storia che vi porterà alla scoperta di un mestiere ormai quasi scomparso, quello dell’orologiaio.

Che si tratti del libro o del film, però, questa scelta spetta solo a voi 😛

11628895