0

La vita in due – Nicholas Sparks

Aspettavo questo libro da quando ne fu annunciata l’uscita l’anno scorso. Pre-ordinato ho dovuto attendere circa una settimana rispetto alla data di uscira per averlo tra le mani. Ma ne è valsa la pena.

Russ Green è un pubblicitario che vive a Charlotte, nel North Carolina. E’ sposato con Vivian e hanno una bambina di nome London. La sua vita sembra perfetta: ha un buon lavoro, una moglie fantastica, una figlia che non smette mai di sorprenderlo e una famiglia presente. Cosa si può volere di più?

Ma, un giorno, tutto comincia ad andare a rotoli. Russ perde il lavoro e decide di mettersi in proprio. Questa decisione andrà ad influire sulla situazione finanziaria della famiglia e non solo. Infatti, Vivian si trova improvvisamente a dover economizzare tutto e, presa da una grande insoddisfazione, deciderà di tornare a lavorare. Ma questa decisione segnerà l’inizio della fine.

Infatti, con il passare dei giorni, la situazione subirà un capovolgimento e da essere Russ l’uomo di casa, colui che provvede al mantenimento della famiglia, si ritroverà a fare il mammo e il casalingo mentre Vivian provvede a tutto il resto. Ma questa situazione spingerà lei tra le braccia di un altro uomo e, di conseguenza, alla decisione di lasciare Russ.

20170718_215437-01

Ma non tutto è perduto. In questa situazione tutt’altro che facile Russ troverà qualcosa a cui appigliarsi: sua figlia London. Le numerose assenze di Vivian porteranno i due a costruire un rapporto davvero unico e speciale, un rapporto in cui Russ non solo imparerà ad essere una figura presente e di riferimento ma, soprattutto, che la felicità della vita si nasconde nelle piccole cose. E vedere la propria figlia crescere e imparare ad affrontare la vita con le sue gioie e le sue avversità è sicuramente una fonte di felicità.

Con il suo stile inconfondibile, Nicholas Sparks ci regala un’altra bellissima storia d’amore. Ma stavolta si tratta di quell’amore tenero, puro ed incondizionato che solo un genitore può provare. Una storia che vede i protagonisti alle prese con la vita e la routine di tutti i giorni come la scuola ed il lavoro ma anche con le cose più grandi con cui prima o poi tutti abbiamo avuto a che fare: l’abbandono e la perdita.

Con una narrazione scorrevole, con piccoli flash back all’inizio di ogni capitolo, ci viene raccontata la vita di un uomo che cambia radicalmente nell’arco di un anno ma che si tiene ben ancorato a quelli che sono i valori fondamentali, primo tra tutti la famiglia. Ma non temete, ci sarà spazio anche per l’amore romantico a cui Sparks ci ha sempre abituati.

Non è la prima volta che Nicholas Sparks racconta di un rapporto padre – figlia (non dimentichiamo il romanzo Ogni giorno della mia vita) ma stavolta è proprio questo che costituisce il perno principale della storia, il punto da cui si dirama tutto. Questa è una storia di quelle che fa provare tanti sentimenti: dalla dolcezza alla rabbia, passando per momenti anche divertenti. Ma che alla fine lascia un messaggio di speranza: i momenti bui capitano ma, alla fine del tunnel, tornerà a splendere il sole.


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 505
Prezzo: 19.90€

 

0

“La metà che manca” di Graham Jackson, un thriller a quattro mani

WhatsApp Image 2017-06-10 at 16.09.07Per iniziare questa recensione è assolutamente necessaria una premessa: sto per parlare del libro di un’amica. Ebbene sì! Sarebbe stato inutile e non trasparente nei confronti del lettore parlarne in termini vaghi: “L’autore ha scritto…”, “L’autore ha uno stile…”, “Qui L’autore…”. E a me piace essere chiara. La nostra Barbara del gruppo di lettura (e admin di IRead la Tana del Lettore) ha scritto un libro a quattro mani con la sua amica Elena (ex admin della pagina appena citata). Il lettore adesso potrebbe interrompere la lettura della recensione, caricandosi di pregiudizi e cliché come “è sua amica, ne parlerà sicuramente bene”, “recensione truccata”, “complotto” 😀 ma io vi invito a rimanere con me, perché sì, questo libro mi è piaciuto, e lo dico con totale leggerezza d’animo e con sincerità assoluta, e vi spiego perché.

tenor

Dopo questo preambolo doveroso passiamo quindi a parlare di Graham Jackson . Chi è Graham Jackson? Uno pseudonimo, questo è certo. Barbara ed Elena, e anche questo è certo. Ma perché questa scelta? Barbara ci ha raccontato che Jackson e Graham erano i nomi di due personaggi con i quali giocavano in un gdr online e un bel giorno, mentre cercavano di costruire l’ambientazione e la storia per una nuova giocata è arrivato il lampo di genio: “perché non scrivere un libro?”. Ed ecco come nasce La metà che manca.

Sinossi:
La metà che manca inizia quando ancora non c’è niente a mancare e non ci sono frammenti da rimettere insieme. Il 23 ottobre del 1993 Zoe e Dominic Marshall sono ancora convinti che i casi che risolvono sul campo li immunizzino dal diventare dei bersagli. Ma che succede quando, improvvisamente, si viene travolti dal peggiore degli incubi? Ciò che si annida dentro un crimine innesca un processo che trasforma normalità in mostruosità, mostruosità in normalità. Si può evitare il caos? Si può evitare di annegare nel senso di colpa, cedendo alla disperazione o, peggio, alla follia?

«Anna!? ANNA!» Zoe non gli aveva detto che un nome breve l’avrebbe aiutato a non soffocare nel caso in cui la sua bambina fosse scomparsa. È un nome che nasce con lo scopo di essere gridato nei corridoio di una scuola ormai deserta. Dove sei, Anna?

Zoe e Dominic sono due detective. Impastano le mani quotidianamente in crimini, omicidi, casi infelici, rapimenti. Ma Zoe e Dominic sono anche i genitori di Anna. Nessuna abitudine e nessuna corazza acquistata col tempo può salvarli o rendere il loro dolore diverso da quello di qualsiasi altro genitore. Si apre così il libro, con una sparizione abominevole che li getterà nel caos.
Seguiremo passo passo le indagini dei due e il loro coinvolgimento emotivo. Le sensazioni e le emozioni dei personaggi non lasciano il tempo che trovano e sono minuziose, incisive, reali.

Le scene di riflessione e introspezione si alternano all’azione, all’adrenalina pura. Secondo me è più che giusto che in un thriller come si deve sia dato tutto lo spazio necessario ai personaggi, alle loro sensazioni e ai loro sentimenti perché ciò giustifica e ci aiuta a capirne le azioni e l’evolversi della trama. In ciò, La metà che manca, riesce perfettamente.

Ho adorato tantissimo la descrizione del rapporto tra Zoe e Dominic, che subisce una naturale incrinatura e poi un riavvicinamento doloroso ma coraggioso.
Certe parti raggiungono poi un picco di suspense e di angoscia veramente incredibili! Vi ritroverete a sfogliare freneticamente le pagine per capire come andrà a finire quella scena, quel momento topico (ammetto di aver anche sbirciato la fine di qualche capitolo per l’impossibilità di gestire l’ansia xD).

Concludo con il dire che ciò che si può notare subito, e che il lettore attento potrà apprezzare già dalle prime pagine, è la totale assenza di dissonanza tra la scrittura di entrambe le mani. Il lavoro condotto sul testo è eccezionale, sicuramente pieno di riletture, accortezze e aggiustamenti affinché Graham Jackson risulti Graham Jackson. Non riuscirete mai a capire chi ha scritto cosa e questo non fa che donare linearità e scorrevolezza alla lettura. Il lavoro certosino delle due autrici si rispecchia anche nel testo nudo e crudo. L’uso di font particolari per le firme, le lettere o i documenti per le indagini. Rapporti polizieschi veramente realistici e allegati di vario genere minuziosi e dettagliati. Dietro questo libro c’è veramente tanto lavoro e si vede!
Del finale poi, dico solo che sarà sorprendente e disarmante.

Lo consiglio agli amanti del genere e non.

 

SCHEDA DEL LIBRO

Autore: Graham Jackson

Titolo: La metà che manca

Pagine: 312

Editore: Lettere Animate

Prezzo: 13€ – 1,50€

0

L’amore che mi resta – Michela Marzano

Esistono vari modi in cui un libro decide di arrivare a noi. Per chi cerca di essere sempre informato sulle nuove uscite e sulle varie presentazioni che avranno luogo nella propria città uno di questi modi è il ricevimento delle newsletter. Ed è proprio grazie ad una di queste mail che, il 15 maggio, mi sono recata alla Feltrinelli della mia città per l’incontro con la professoressa Michela Marzano in cui veniva presentato il romanzo L’amore che mi resta.

Protagonista di questo romanzo è Daria. Una donna ma soprattutto una mamma che sta affrontando uno dei più grandi dolori che la vita può riservare: la perdita di un figlio. Ed in questa spirale di dolore la cosa che più colpisce Daria è che Giada non è morta per un’incidente. Lei ha deciso di suicidarsi.

Comincia così un lungo percorso fatto di buio e di dolore in cui Daria non saprà come districarsi, come affrontare il resto della vita che le resta.

La vita come un privilegio, nonostante vivere sia diventato un peso.

Questa è la frase che più riassume lo stato d’animo di Daria. Stato d’animo che ci viene raccontato sotto forma di una lunga lettera che la protagonista “scrive” a sua figlia. Una figlia adottata, fortemente voluta e fortemente “tenuta” quasi a doppio filo. Una figlia che si scopre avere segreti e ombre, questioni irrisolte che non aveva confessato a nessuno, riconducibili a quella che è quasi diventata un’ossessione: la paura dell’abbandono. Perché la sua madre biologica l’ha abbandonata? C’è qualcosa che non va in lei?

L’abbandono implica sempre qualcosa di negativo; il lasciare no, al contrario. Si lascia ciò che non si è in grado di tenere; si lascia ciò che è talmente prezioso da meritare qualcosa di meglio.

In questo romanzo i sentimenti espressi sono forti, assoluti e quasi tangibili. Il dolore per la perdita, lo stupore per la scoperta di alcuni segreti, l’amore che muove la realtà di ognuno di noi.

20170627_222703

E’ un libro lacerante, di quelli che prima ti strappano il cuore dal petto e poi te lo restituiscono piano piano. Così come, piano piano, Daria riprende a vivere riassegnando il giusto valore a tutto ciò che la circonda.

Ora è tutto diverso, ora entro nei ricordi e ti aspetto.
Entro. E dopo un po’ tu arrivi sorridente, come quando eri piccola e prendevi la sediolina rossa dove ti sedevi quando ti raccontavo le fiabe, e mi ascoltavi spalancando gli occhi, attentissima, ti arrabbiavi persino se dimenticavo un dettaglio o cambiavo qualcosa nella storia.
Entro. E dopo un po’ tu arrivi, e tutto torna come prima, la tua voce, il tuo sorriso e il tuo odore, quello solo tuo, Giada, quello che la mamma assaporava quando ti prendeva in braccio e ti stringeva a sé, e tu dicevi che stringevo troppo, non ce la facevi nemmeno a respirare.
Entro. Tu arrivi. E sento i battiti del tuo cuore, li conto mentalmente, li annoto su un foglietto – tesoro, scotti, cos’è questo febbrone improvviso?
Entro. Tu arrivi. L’amore è senza confini.
E’ per questo che è perfetto.


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Einaudi
Pagine: 235
Prezzo: 17,50€

0

MISDIRECTION di LUCIA BIAGI – Eris Edizioni

20170608_192822

 

MISDIRECTION

 

20170608_190225

Cari lettori, sono qui oggi per parlarvi di questa particolarissima graphic novel. Partirò immediatamente con un commento super professionale, assai tecnico e di assoluta rilevanza: ADORO LA BICROMIA DI QUESTO FUMETTO! Perché mentire? È stata la prima cosa che ho notato e che mi ha colpito: questo gioco di colori freddi, verde acqua e viola, in poche sfumature, che rendono le tavole compatte e davvero gradevolissime alla vista. Perché qui non stiamo parlando di un libro, e una graphic novel si porta dietro non solo la responsabilità di una storia ben riuscita, ma anche il dovere di una buona veste grafica che colpisca; e Misdirection di Lucia Biagi rispetta entrambe le condizioni.

Trama da http://www.erisedizioni.org

Misdirection è l’arte di distogliere l’attenzione e rendere possibile un trucco di magia, ingannando i sensi e la mente. Misdirection è Federica d’estate in montagna coi nonni, senza preoccupazioni, che gioca col suo smartphone, registra il suo diario vocale e non ha voglia di pensare al liceo che sceglierà a settembre. E le uscite con Noemi, l’amica più grande che la porta di nascosto in discoteca e la fa sentire speciale quando le confida i suoi segreti.

Ma dopo una nottata passata a ballare, Noemi non le risponde al cellulare. Dovevano incontrarsi, ma l’amica non è dove dovrebbe essere, lì c’è solo il suo smartphone e Federica non ce la fa davvero a non preoccuparsi per lei.

Misdirection è una ragazza che non si trova da nessuna parte, a cui potrebbe essere successo qualcosa, anche se sembra non importi a nessuno. Misdirection è la mancanza di lucidità che si può avere a tredici anni, Misdirection è la storia di una ragazzina che vuole solo sapere che fine ha fatto la sua amica, e quando l’avrà trovata, spera con tutte le sue forze, a quel punto andrà tutto bene.

In un determinato punto della lettura, uno dei personaggi (un amico della nostra protagonista Federica) parla di una tecnica specifica che consisterebbe nel far credere allo spettatore che un determinato elemento sia rilevante e molto importante per poi fargli scoprire che in realtà serviva solamente a confonderlo e a distrarlo dal vero oggetto della narrazione. In questo concetto ritroviamo un po’ il punto focale di questo fumetto: una ragazza scomparsa, due amici alla ricerca della verità. Sembrerebbe quasi uno di quei thriller oscuri che celano una storia di rapimento e violenza, ma alla fine ci ritroviamo d’innanzi ad una storyline che ci accompagna verso un punto preciso: la riflessione e la consapevolezza di determinati argomenti che, a quanto pare, all’autrice stanno molto a cuore: i social network e le sue conseguenze, ma più precisamente la condizione femminile e il labile rapporto tra la libertà di scegliere e ciò che ne consegue all’interno della società per una ragazza.  Questa graphic novel attraversa pregiudizi, meschinità, maschilismo e logica di branco maschile (e non) fino a portarci a riflettere sul diritto delle ragazze di essere libere di spogliarsi da ogni peso che sembra gravare in più su di loro.lucia-biagi-misdirection-04-1000x600

La narrazione procede per tutto il fumetto quasi statica, senza picchi eccessivi e ciò, a mio parere, viene accentuato dalle tavole fredde e rotondeggianti, con un disegno “calmo” ed espressioni placide.shapeimage_12

Misdirection è un’esperienza di lettura atipica, ma che ho apprezzato davvero tanto. Complimenti a Lucia Biagi e ad Eris Edizioni per aver sfornato questo prodotto particolare dalle tematiche delicate ma assai attuali.

 

SCHEDA

Titolo: Misdirection
Autore: Lucia Biagi
Pagine: 208 pagine in bicromia
Prezzo: 17,00€
Editore: Eris Edizioni (collana Kina)

0

La locanda dove il mare parla piano – Emma Sternberg

978882006249_Sternberg_La locanda dove il mare_300X__exactOggi vi parlo di un romanzo uscito cinque giorni fa per la Sperling & Kupfer e che ha una copertina bellissima e coloratissima che richiama molto l’estate. E l’estate la si ritrova anche nelle pagine di questo libro. Un’estate che non è intesa solo come stagione ma ha un significato più profondo. Ma andiamo per ordine.

Devo ammettere che l’inizio è dei più scontati e che mi ha fatto un po’ storcere il naso: Linn, giovane ragazza tedesca senza una famiglia, torna un pomeriggio a casa in anticipo e trova il suo fidanzato a letto con la sua migliore amica. Picco di tragedia con sceneggiata e cacciata di casa annessa. Ma ecco che, poco dopo, il citofono suona e appare Mr. Cunningham, un cacciatore di eredi, che le comunica di aver ricevuto una grossa eredità da una zia morta in America di cui Linn ignorava l’esistenza.

Con un disperato bisogno di scappare dalla sua vita andata in frantumi, Linn decide di partire per l’America per andare a vedere con i suoi occhi l’eredità che le è piovuta dal cielo. E, mentre per tutto il volo si ritrova a fantasticare su un appartamento nel centro di Manhattan, al suo arrivo le viene riservata un’altra sorpresa. Perché la sua eredità non è un appartamento a New York City ma, bensì, una casa negli Hamptons un tempo adibita a locanda: il Sea Whisper Inn. Ed insieme ad essa, Linn eredita anche cinque vecchietti che abitano la casa ed erano i migliori amici della defunta zia Dotty.

Intenzionata inizialmente a vendere la casa, Linn si ritrova a fare la conoscenza di Patty, Eleonore, Olimpia, Frederic e Maxwell. E, attraverso loro, anche di zia Dotty. E sono queste conoscenze che permetteranno a Linn di cambiare il suo modo di affrontare la vita e le avversità. Perché questi cinque adorabili vecchietti le faranno capire che mai niente è perduto, anche quando le cose sembrano tutte volgersi contro di te.

L’autrice dosa sapientemente l’esperienza della vecchiaia con le speranze giovanili, la tranquillità degli Hamptons con l’oceano di sfondo che sembra toccare il cielo, i dubbi e le paure di una nuova vita. Condisce il tutto con una narrazione scorrevole e frizzante e ci regala un romanzo in cui, come dicevo all’inizio, l’estate non è intesa solo come stagione climatica ma proprio come una “stagione dell’anima”, fatta di rinascite e cambiamenti che chiunque, a qualunque età, può serenamente affrontare.


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 360
Prezzo: 18,90€

1

In carne e cuore – Rosa Montero

Il mese di maggio è stato uno dei mesi più proficui in quanto ad uscite editoriali di un certo peso. Una di queste pubblicazioni, edita da Salani, è In carne e cuore di Rosa Montero.

Soledad è una donna di sessant’anni professionalmente affermata e appagata. Curatrice di mostre, attualmente ingaggiata dalla Biblioteca National per curare una mostra dal titolo “Gli scrittori maledetti”, una vita agiata. Ma, come contrappeso a questo appagamento professionale, la donna si sente completamente sola.

La vita è un breve intervallo di luce tra due nostalgie: la nostalgia di ciò che non si è ancora vissuto e quella di ciò che non si potrà più vivere. E il momento in cui bisogna agire è così confuso, così sfuggente ed effimero, che lo si spreca guardandosi attorno storditi.

Ci troviamo di fronte ad una donna dai tratti cinici, che non ha mai voluto costruirsi una storia ed una famiglia, che non prova nessun instinto materno. In compenso si circonda di amanti, tutti più giovani di lei. Perché Soledad ambisce alla passione, ai desideri della carne.

Ed è per vendicarsi di Mario, il suo amante che l’ha lasciata perché la moglie aspetta un bambino, che una sera Soledad accede ad un sito che offre servizi di intrettenimento per donne. E, scorrendo le varie foto dei gigolò presenti sul sito, decide di ingaggiare Adam.

20170601_195801

Adam è alto, atletico, ha trentadue anni, un fisico mozzafiato. Il loro incontro, all’inizio con il solo scopo di far ingelosire Mario, sfocia ben presto in una forte attrazione sessuale. Soledad inizia a provare qualcosa di forte per questo ragazzo, lo cerca e cerca di tenerlo legato a sè pagandogli provvigioni extra e con continui regali.

Ma Adam non è quello che sembra. E tra un incontro e l’altro Soledad si ritroverà invischiata in una rete oscura che metterà a dura prova tutta la sua esistenza.

Rosa Montero, nota giornalista e scrittrice spagnola, ci regala un romanzo che scava nella profondità dell’animo umano con un linguaggio semplice e scorrevole. Inoltre, durante la narrazione, complice la costruzione della mostra, ci sono continui richiami alla letteratura spagnola e agli scrittori che ne hanno dato lustro.

La Adriano Salani Editore mette a segno un altro colpo. Un romanzo che ti tiene incollato alle pagine e che ti porta a riflettere su quanto quello che si vede da fuori non è esattamente quello che succede all’interno delle vite.


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Adriano Salani
Pagine: 222
Prezzo: 16,80€

0

Le mamme ribelli non hanno paura – Giada Sundas

Ho scop7742628erto Giada Sundas dopo aver letto una sua frase condivisa su facebook da una mia cara amica che recitava più o meno così:

“Inutile scervellarsi sul nome da dare al proprio figlio. Potrà essere anche il più particolare possibile ma ricorda che comunque vada, quando lo chiamerai per tornare a casa, non si girerà.”

Per me che stavo cercando, in quel periodo, un nome da dare a mia figlia che fosse fuori dagli schemi fu una sorta di illuminazione. Da quel momento ho continuato a seguire Giada (su facebook, non sotto casa eh) con assiduità e per questo mi sono rallegrata quando ha dato il felice annuncio: stavano per pubblicare il suo libro.

Le mamme ribelli non hanno paura è un diario a cuore aperto scritto per la piccola Mya. Vengono raccontati con allegria e sincerità prima i mesi della gravidanza e poi quelli della nascita e crescita di Mya. Da neomamma non ho potuto fare a meno di rivedermi in Giada, nelle sue ansie pre e post parto, nei momenti emozionanti che accompagnano costantemente la vita di una mamma. Sorrisi, tanti brividi e qualche lacrimuccia sono stati fedeli compagni di questa lettura e con piacere ho ritrovato, tra i vari capitoli, i post che hanno reso Giada una mamma seguitissima su Facebook.

«Moreno, devo dirti una cosa.»
«Che succede?»
«Però cerca di non agitarti, va bene?»
«GIADA CHE SUCCEDE?»
«Ho perso il tappo»
«E dove è andato adesso “sto tappo” Te lo dico sempre di richiuderlo che poi va a finire che si secca.»
«Ma di cosa stai parlando?»
«Del dentifricio.»
«Macchè dentifricio, Moreno, ho perso il tappo mucoso del collo dell’utero.»
«E che ci facevi con un tappo nel collo dell’utero, scusa?»
«Si forma da solo per tenerlo chiuso, poi si stacca quando si è vicini al parto»
«E adesso che succede? Una vota che non c’è più il tappo, esce fuori la bambina?»
«Non credo sarà cosa tanto immediata, potrebbe volerci una settimana […]»
«Oddio quindi la bambina potrebbe venire fuori da un momento all’altro?»
[…]«Ma adesso che non c’è più il coperchio, magari sguscia fuori al primo colpo di tosse»
«Magari fosse così facile»
«Non spingere troppo quando fai la cacca, ancora poi la ritroviamo appiccicata al Fresh Discs»

Questo diario, come potete vedere dalla citazione, non racconta solo di Giada. Tra le pagine del libro troviamo anche la figura di Moreno, il papà. Un marito amorevole, divertente, un papà attento, sereno. L’autrice ci fornisce la sua testimonianza a 360 gradi, non manca nessuno in questo universo familiare che ruota, com’è giusto che sia, tutto intorno a Mya. Giada ha deciso di non imbellettare, alla figlia, niente della sua storia. Le confessa subito che non è stato amore a prima vista, che non è stato semplice e che a volte avrebbe volentieri premuto il tasto di rewind per tornare indietro. Parla, alla futura Mya, senza peli sulla lingua e senza maschere. Chi è mamma o che lo diventerà si sente sollevata nel sapere che, anche quando tutto potrebbe sembrare nero e in salita, poi le cose cambiano. Che lì in quella strada tortuosa ogni tanto lo trovi uno spiazzale dove fermarsi e riprendere fiato e di solito, proprio da quei punti raggiunti con tanta fatica, godi di una vista meravigliosa da togliere il fiato e capisci che non è poi tanto male quello che stai facendo, anzi, ogni sacrificio è ripagato mille volte.

Mentre ero seduta sul divano nel periodo più duro della mia vita, con un aspetto inguardabile, tu staccasti la bocca dal mio seno, mi guardasti lì, dove i bambini sanno che le mamme accatastano l’amore, e mi regalasti una mezzaluna sghembo tutta gengive e complicità. «Ah» dissi «adesso sì che ho capito»

L’unica critica (si fa per dire) che devo muovere a Giada è che ora, per colpa (o grazie) a questo libro è venuta anche a me voglia di scrivere un diario da lasciare alla mia bambina quando sarà più grande. Sono sicura che questa cosa capiterà a tutte quelle che lo leggeranno.

Per chi invece non è ancora mamma e si stesse domandando se il libro potrà apprezzarlo lo stesso la mia risposta è: si, si e ancora si. La simpatia di Giada Sundas merita questo tentativo 😀

_______________________

SCHEDA LIBRO

Autore: Giada Sundas
Editore: Garzanti
Pagine: 180
Prezzo: 16,40€