0

La profezia di mezzanotte di Irena Brignull

20161208_095008

Avete presente i libri per bambini? O meglio, avete presente la sezione dei libri per ragazzi, che spesso viene snobbata dai “grandi”, o anche dagli adolescenti, ma che, invece, contiene delle perle come la saga di Harry Potter?

Beh, è lì che ho visto questo libro, questa bellissima creatura dalla copertina colorata e dal titolo molto poetico: La profezia di mezzanotte. Sembra una favola. Ebbene, sembra.

Questa storia, invece, non è affatto una favola per bambini, ma, piuttosto, si tratta una favola gotica, con dei contenuti anche molto profondi. Quei contenuti dei libri da “ragazzi” che spesso vengono ignorati da noi “grandi”.

La profezia di mezzanotte parla di due bambine legate dal destino, da una magia potente che grava su di loro come una maledizione. E una di loro è una strega.

La storia di queste due ragazzine è in bilico sul confine tra il mondo “reale” e quotidiano, quello a cui Poppy appartiene, dove siamo abituati a vivere, e quello di Ember, il mondo delle streghe, della magia. Le due realtà s’incontrano, si scontrano, proprio come accade a queste due ragazzine: un incontro non certo casuale, volto a condurle sulla strada verso il loro destino.

636116434800141682-14668375_Love__037876_.jpg

Una delle cose che colpisce maggiormente è la magia dell’amicizia che viene a instaurarsi tra le protagoniste, un sentimento che va oltre le apparenze, oltre le convenzioni, qualcosa di puro che è difficile da trovare.

“L’amicizia le appariva anche meglio di come l’aveva immaginata. Aveva tutti i colori di un’alba, che trasforma il nero in lucentezza, ed era piena di promesse di calore e luce a venire”.

In questo romanzo, la magia è concepita in modo molto peculiare: essa è strettamente legata alla natura, ha il gusto dell’arcaico, ma a momenti possiede una vera e propria personalità. Come tutto, in questo romanzo, essa incarna una dualità quasi contraddittoria: la magia, infatti, ha il suo aspetto di ordine, che comprende le formule per pozioni e incantesimi, ma si affida anche molto all’istinto, alle emozioni e alle sensazioni, che sono capaci di smuoverla e animarla in modo anche molto violento.

La concezione di magia che l’autrice esprime si va a localizzare tra quella caratteristica di saghe come Harry Potter e Signore degli anelli, ma ricorda molto anche le storie più classiche ambientate a Salem, e ancora la magia dei romanzi urban fantasy di Sergej Luk’janenko. È una magia pura e inquietante, innocente e sanguinosa.

2007525-bigthumbnail.jpg

In questa storia dove l’eccezionale esiste, temi profondi e delicati vengono esplorati: non solo l’adolescenza, con i suoi problemi, e il bullismo, ma anche l’isolamento, il “sentirsi diversi”. E ancora, su altri versanti, la violenza, la genitorialità e i legami familiari, l’amicizia, l’amore.

Essere madri… ci fa impazzire!”

Tutto sembra dividersi in un dualismo perfetto che si rivela essere sempre qualcosa di più, in un’ottica che vuole andare oltre le categorie antitetiche come il bene e il male, per toccare tutte le sfumature dei comportamenti e delle emozioni umane.

La comunicazione tra i personaggi, o la sua mancanza, è basilare per comprendere i delicati meccanismi che vengono a instaurarsi, così ben psicologicamente caratterizzati. La magia, nonostante invada gran parte della storia, non soppianta la psicologia dei personaggi, le loro reazioni emotive e, anzi, le dà fondamento, nutre le personalità dei protagonisti.

Ambizione, paura, resa, amore fraterno e non: sono solo alcuni dei sentimenti che più affondano le loro radici nei cuori delle protagoniste e di tutti i personaggi che vorticano loro attorno.

Il romanzo è il primo di una saga e lascia con tante domande e con un sentimento di attesa: cosa succederà?

Un romanzo bellissimo e che mi sento di consigliare sia ai ragazzi della stessa età delle protagoniste (14 anni), ma anche ai più grandi e a coloro che non si aspettano troppo dai libri per ragazzi: con questo titolo, vi ricrederete!

Scheda libro

Titolo: La profezia di mezzanotte
Autore: Irena Brignull
Editore: De Agostini
Pagine: 415
Prezzo: 14, 90€

Annunci
0

“Harry Potter e la Maledizione dell’Erede”- Harry Potter Night @ La Feltrinelli

Chi ha pianto come se non ci fosse un domani quando è terminata la saga di Harry Potter? E chi ha pensato “Vabbe dai, ma devono ancora uscire tutti i film!” e poi ha pianto di nuovo come se non ci fosse un dopodomani perchè anche i film li avevano finiti di girare tutti?

6-hands-up

Cari Potterheads, non disperate, un nuovo capitolo del maghetto più famoso del mondo si aggiunge alla mensola della libreria!

“Harry Potter e la maledizione dell’erede” può piacere o no, ma sappiamo benissimo che neanche le critiche negative possono fermare i fan più sfegatati dall’acquisto.

La storia si svolge 19 anni dopo la Battaglia di Hogwarts e riprende la scena finale del settimo libro, quella che vede gli invecchiati Harry, Ron, Hermione, Ginny e Draco alle prese coi loro pargoli da salutare prima di spedirli a scuola con l’Espresso per Hogwarts. Protagonisti indiscussi sono Albus Severus Potter, il figlio di Harry e Ginny, e Scorpius Malfoy, il figlio di Draco. I due si conoscono a scuola e diventano subito amici. Il grande Harry Potter però si presenta come un padre difficile da capire e il piccolo Albus preferisce allontanarlo da sè. Durante una notte, Amos Diggory, padre del celebre Cedric, morto durante il Torneo Tremaghi a cui aveva partecipato lo stesso Harry anni prima, si presenta a casa Potter e chiede ad Harry un immenso favore: trovare l’unica Giratempo rimasta nel mondo magico in seguito alla distruzione delle medesime da parte del Ministero della Magia, per tornare indietro nel tempo fino al Torneo e salvare il povero Cedric, all’epoca ucciso da Voldemort. Harry si rifiuta ma Albus, ascoltata di nascosto la conversazione, decide di ribellarsi al padre e di andare alla ricerca della Giratempo, con l’intento di salvare Cedric Diggory, per lui ingiustamente ucciso dal Signore Oscuro per colpa della fama di Harry Potter.

tumblr_nz9bgyxxpp1thu2vbo1_500

Cedric e Amos Diggory in “Harry Potter e il Calice di Fuoco”

La particolarità del libro, però, è che non si tratta di un romanzo. Ebbene si, si tratta di uno script teatrale, una sceneggiatura. E’ l’esatta trasposizione dell’omonimo spettacolo teatrale tutt’ora in scena a Londra. La storia infatti era stata prevista solo per il teatro, anche se si vocifera di una possibile rivisitazione sotto forma di romanzo (molto poco plausibile, dico io). Per questo, il libro è scorrevole e si legge in breve tempo. Le uniche descrizioni presenti sono quelle della scena iniziale e delle azioni dei personaggi/attori in scena.

dsc_0096

Maglia Harry Potter stampata durante la Harry Potter Night, Harry Potter e la Maledizione dell’Erede, Gelatine Tutti i Gusti+1 e Cioccorana acquistate presso i Warner Bros Studios di Londra.

In onore dell’uscita del libro in Italia, i punti vendita La Feltrinelli hanno organizzato un evento intitolato “Harry Potter Night”. Per celebrare il ritorno in libreria del famoso maghetto, infatti, hanno aperto i punti vendita alle 22 del 23 Settembre. Per chi si presentava con una maglietta bianca, era prevista una serigrafia commemorativa dell’evento stampata sulla maglia, mentre la vendita del libro apriva comunque alla mezzanotte.
Non negherò che l’evento ha portato una pioggia di critiche negative sulla Pagina Facebook de La Feltrinelli in quanto l’attesa è stata interminabile e le magliette andavano via via peggiorando man mano che venivano stampate. Purtroppo un evento che poteva essere stupendo, è stato rovinato da queste note negative ma dopo una fila di ben 4 ore e mezza, son tornata a casa con libro e maglietta sbiadita (LOL).

raw

Nonostante l’abbia divorato, devo ancora decidere se il libro mi sia piaciuto o no. Di una cosa sono però certa: potrebbe passare tranquillamente come una fan-fiction, una storia scritta dai fan per i fan. L’influenza di sceneggiatori e altri autori, hanno sicuramente “cambiato” in qualche modo lo stile di J.K. Rowling a cui eravamo abituati. Non leggetelo quindi aspettandovi i soliti dialoghi, anche Harry in questo libro cambia carattere dall’oggi al domani.

dsc_0098

La mia maglia sbiadita by La Feltrinelli.

Il vero problema, penso, sono le gravi incongruenze tra questo nuovo capitolo e l’intera saga precedente, prima fra tante la Pozione Polisucco. In “Harry Potter e la Camera dei Segreti”, Hermione ci insegna che questa complicatissima pozione ha bisogno di tempi di preparazioni lunghi MESI. In questo libro, dei ragazzini qualunque la preparano nel giro di poche ore. Oppure la porta dell’ufficio del Ministro della Magia che si apre con un semplice “Alohomora”. Si potrebbe andare avanti per parecchio, ma si rischierebbe di scrivere un libro solo di questi piccoli dettagli.

In sintesi, è un libro scorrevole che si discosta completamente dai libri precedenti. Leggetelo senza troppe pretese e non vi deluderà del tutto. Se vi ci accosterete cercando il sequel della vita, bhè meglio che evitiate, non è roba per voi.

tumblr_lqs0lrkm4f1r21cyxo2_500

A presto, con la prossima lettura! 😀

Autore: J.K. Rowling
Pagine: 368
Editore: Salani
Prezzo: 19,80€