0

Grimoire. Il preludio – Francis Reed

nuovo profilo libroBuongiorno lettori,
oggi vi parlo di un fantasy uscito a marzo per Lettere Animate. Facciamo una piccola premessa: leggere fantasy, per me, è complicato. Lo è perché non sempre trovo un libro che riesca a non farmi pensare ad altre storie, ad ambientazioni già lette e conosciute, a somiglianze con altre saghe famose. Con Grimoire, di Francis Reed, ho avuto invece la fortuna di immergermi nel racconto senza “deja vù” di alcun tipo. Mi sono goduta la storia inventata dall’autore e ho terminato la lettura soddisfatta di quello che mi era stato appena raccontato. Dopo questo piccolo spoiler, in cui appunto vi anticipo che il libro mi è piaciuto, vi lascio la trama:

Celata agli occhi del mondo, una strega oscura minaccia la pace che da secoli regna tra i popoli del Continente, decisa a vendicarsi dei soprusi subiti dalla sua stirpe. Al Bianco Concilio, una congrega di streghe animata da nobili intenti, spetta l’arduo compito di contrastare la minaccia, cercando alleati anche presso i popoli che, storicamente, hanno sempre osteggiato ed aborrito la magia in ogni sua forma. Basteranno il coraggio ed un nemico comune, ad abbattere secoli di conflitti e pregiudizi?

Il primo di una serie di libro ancora da pubblicare, Grimoire serve come introduzione a una storia raccontata in maniera scorrevole e senza troppi fronzoli. Lo stile di Francis Reed ti fa pensare di non trovarti di fronte a un autore emergente ma di star leggendo qualcosa su cui è stata riversata gran cura. Iniziando con dei personaggi che, sulle prime, crediamo gli unici protagonisti, proseguiremo conoscendo altre persone e scoprendo sempre più dettagli del mondo in cui ci troviamo. Le streghe e la magia, ad esempio, sono banditi, vengono cacciate e la magia non è il fido alleato a cui siamo abituati a pensare. Quello che ho apprezzato di più in questa storia è stata la caratterizzazioni dei personaggi. Il lettore non ha difficoltà a immedesimarsi in prima persona e a provare simpatie o antipatie, ma questi sentimenti possono mutare e quando un “ipotetico” cattivo mi fa quasi simpatia, allora penso sempre alla stessa cosa: la storia funziona. Perché molto spesso ci ritroviamo di fronte a personaggi tagliati con l’accetta, chi è stronzo, rimane stronzo, non ci sono sfumature. In questo libro invece Francis Reed ci spiega cosa c’è dietro, il personaggio viene presentato a 360 gradi e il lettore è libero di cogliere tutte le motivazioni dietro alle azioni e a trarne le dovute conclusioni. Io, per esempio, ho amato il principe. Odiato e trovato fastidioso nei primi capitoli in cui veniva descritto, ho cambiato idea man mano che la storia andava avanti. Rimane, per me, il personaggio migliore.

Senza voler raccontare troppo della trama, voglio dirvi perché questo è un libro che merita di essere letto: c’è, da parte di Francis Reed, la voglia di raccontare una storia per il piacere di condividere con qualcuno un mondo di fantasia nato nella sua mente. C’è uno studio dietro la struttura del romanzo che ti fa pensare “Qua siamo di fronte a una saga che lascerà il segno”. Non manca l’epica, non manca il mistero e non manca la voglia di saperne di più. Se andrete a leggere le altre recensioni su questo romanzo tutte dicono la stessa identica cosa: dateci il seguito. Vi sfido a trovare un autore emergente che suscita la medesima curiosità con una sua prima pubblicazione.

Non metto il massimo a questo libro perché a mio parere la storia si interrompe un po’ troppo presto. Avrei aggiunto almeno un centinaio di pagine in più per ritornare a ricollegare la prima parte.


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Lettere Animate
Pagine: 161
Prezzo: 8.99€
Voto: 7/10