0

“Le ragazze vogliono la luna” di Janet McNally

Capita, mentre spulci tra le nuove uscite su Amazon, di imbatterti in una copertina che ti attira. E badate bene: la copertina ti attira in primis. Poi noti il titolo ed infine leggi la trama. Se anche questa ti conquista allora procedi all’acquisto. Strano a dirsi ma è quello che è successo a me con questo ebook.

Phoebe è una ragazzina di 17 anni alla prese non solo con i normali problemi di una qualsiasi ragazza di quell’età ma, soprattutto, con quella che è la presenza di due genitori ‘pesanti’. Infatti Phoebe è figlia di Meg e Kieran Ferris ovvero la coppia leader di un gruppo famosissimo negli anni ’90: gli Shelter. Ma il gruppo si è diviso, i suoi genitori si sono separati e, mentre lei vive con la madre e sua sorella Luna si è trasferita a New York, il padre è scomparso dalla loro vita da circa tre anni.

Il romanzo si apre con Phoebe che si prepara per partire alla volta di New York: andrà a trovare sua sorella Luna e dovrà cercare di convincerla a non lasciare il college per intraprendere la vita da rock star. Ma in realtà l’intento è un altro: trovare suo padre e cercare di capire cosa è successo tra lui e Meg, agli Shelter e, soprattutto, perché lui sia sparito dalla sua vita così all’improvviso.

20170314_233127Sullo sfondo di una New York cosmopolita e piena di sorprese, Phoebe si troverà ad affrontare rivelazioni inaspettate, a dover prendere decisioni da adulta e ad accogliere con trepidazione e paura le prime esperienze d’amore.

La narrazione è fluida e scorrevole e, per la maggior parte del libro, la storia è raccontata dal punto di vista di Phoebe. Dico per la maggior parte perché alcuni capitoli vengono raccontati dal punto di vista di Meg, la madre, con dei flash back a quella che era la vita da persona famosa con i suoi pro e i suoi contro.

La storia è quella tipica dello young adult quindi diretto principalmente ad un pubblico adolescente però credo che anche un pubblico più adulto possa saper apprezzare questa storia dal retrogusto un po’ amaro.

E l’amaro in bocca lo lascia soprattutto il finale: parecchie questioni rimangono aperte e irrisolte. Non mi è molto chiaro se potrebbe esserci o meno un sequel così da chiudere il cerchio e riportare un po’ di equilibrio nella vita della giovane Phoebe Ferris.

Una lettura piacevole e molto carina che mi sento di consigliare davvero a tutti. Perché anche una storia apparentemente insignificante può celare degli insegnamenti preziosi.


SCHEDA DEL LIBRO:

Editore: De Agostini
Pagine: 403
Prezzo: 6,99€ ebook – 14,90€ cartaceo

Annunci
0

“If I should die” di Amy Plum

Anno nuovo, vita nuova! Ma non per chi, ‘malato’ di lettura come me, decide di passare la fine dell’anno a ‘farsi fuori’ un’intera trilogia! Perché è esattamente quello che ho fatto io: ho letto, tutta d’un fiato, la “Saga Ravenant” di Amy Plum.

Nello specifico oggi vi parlerò dell’ultimo volume della saga, If I should die che è uscito recentemente (15 novembre 2016). Ma prima facciamo un veloce riepilogo di quello che succede nei primi due volumi.

In Die for me, primo capitolo della saga, facciamo la conoscenza di Kate, giovane ragazza inglese che, dopo la tragica morte dei suoi genitori in un incidente d’auto, si trasferisce a Parigi dai nonni con la sorella. Qui, grazie ad una serie di strani eventi, conosce Vincent, uno splendido ragazzo che però nasconde un grande segreto sulla sua natura. Perché Vincent e tutti i suoi amici non sono umani ma sono degli immortali conosciuti come revenant. I revenant sono esseri che hanno conseguito l’immortalità a seguito di una morte avvenuta come sacrificio al posto di un’altra persona. Ed è questo il loro destino: sacrificarsi per salvare vite umane. Tra Vincent e Kate nascerà una struggente storia d’amore che però metterà la fragile ragazza umana in serio pericolo a causa della sua vicinanza con i revenant che la renderà il bersaglio preferito dei numa, i secolari nemici dei revenant, nati nella stessa maniera ma con lo scopo di uccidere umani.

Nel secondo libro, Until I die, dopo aver sconfitto il capo dei numa, Lucien, la situazione a Parigi è complessa: i numa sono spariti ma i revenant sono sicuri che stiano tramando qualcosa nell’ombra. Inoltre arrivano nuovi revenant alla Maison e gli equilibri diventano precari. Nel frattempo, però, Vincent e Kate cercano di coltivare la loro storia d’amore lasciando fuori, il più possibile, le problematiche dei revenant e il fatto che Vincent potrebbe essere il Campione ovvero il revenant che possiederà straordinari poteri e che permetterà di sconfiggere i numa in un’atroce guerra. Ed è proprio a causa di questa profezia che i revenant verranno traditi da uno di loro che ucciderà e rapirà Vincent per cercare di carpire il suo potere.

d4m-uid

I primi due volumi della saga

Quindi If I should die si apre con i revenant alla disperata ricerca di Vincent e con l’atroce scoperta che il suo corpo è stato bruciato mentre la sua anima è stata vincolata al revenant traditore. Kate e alcuni revenant iniziano a ricercare un modo in cui poter riportare Vincent in vita ed avverare la profezia del Campione.  Ma la ricerca non si rivelerà facile. Inoltre molte scoperte terranno il lettore con il fiato sospeso: sarà davvero Vincent il Campione predestinato a sconfiggere i numa? E che ne sarà della dolcissima storia d’amore tra lui e Kate? Tra incantesimi, colpi di scena, amori, tradimenti, combattimenti e sotterfugi, il lettore verrà condotto all’epilogo di questa splendida trilogia.

if-i-should-die

Ovviamente non posso svelarvi altro, anzi non posso in generale svelarvi molto perché, se non avete mai letto questa trilogia, dovete assolutamente recuperarla. Amy Plum unisce un linguaggio semplice ad una narrazione scorrevole e serrata che ti fa girare le pagine e leggere cosa accadrà in seguito con un senso di trepidazione ed attesa che pochi autori contemporanei sanno dare. I personaggi sono ben delineati sullo sfondo di una Parigi che mescola la sua innata bellezza e storia ad un pizzico di magia il tutto condito dalla giusta dose di romanticismo e azione.

La trilogia può essere benissimo inserita nella categoria degli young adult e so che alcuni di voi non sono propriamente amanti del genere. Ma fidatevi che questa volta non verrete delusi. Assolutamente consigliata!


SCHEDA DEL LIBRO:

Autore: Amy Plum
Pagine: 494
Editore: De Agostini
Prezzo: €14,90

0

La profezia di mezzanotte di Irena Brignull

20161208_095008

Avete presente i libri per bambini? O meglio, avete presente la sezione dei libri per ragazzi, che spesso viene snobbata dai “grandi”, o anche dagli adolescenti, ma che, invece, contiene delle perle come la saga di Harry Potter?

Beh, è lì che ho visto questo libro, questa bellissima creatura dalla copertina colorata e dal titolo molto poetico: La profezia di mezzanotte. Sembra una favola. Ebbene, sembra.

Questa storia, invece, non è affatto una favola per bambini, ma, piuttosto, si tratta una favola gotica, con dei contenuti anche molto profondi. Quei contenuti dei libri da “ragazzi” che spesso vengono ignorati da noi “grandi”.

La profezia di mezzanotte parla di due bambine legate dal destino, da una magia potente che grava su di loro come una maledizione. E una di loro è una strega.

La storia di queste due ragazzine è in bilico sul confine tra il mondo “reale” e quotidiano, quello a cui Poppy appartiene, dove siamo abituati a vivere, e quello di Ember, il mondo delle streghe, della magia. Le due realtà s’incontrano, si scontrano, proprio come accade a queste due ragazzine: un incontro non certo casuale, volto a condurle sulla strada verso il loro destino.

636116434800141682-14668375_Love__037876_.jpg

Una delle cose che colpisce maggiormente è la magia dell’amicizia che viene a instaurarsi tra le protagoniste, un sentimento che va oltre le apparenze, oltre le convenzioni, qualcosa di puro che è difficile da trovare.

“L’amicizia le appariva anche meglio di come l’aveva immaginata. Aveva tutti i colori di un’alba, che trasforma il nero in lucentezza, ed era piena di promesse di calore e luce a venire”.

In questo romanzo, la magia è concepita in modo molto peculiare: essa è strettamente legata alla natura, ha il gusto dell’arcaico, ma a momenti possiede una vera e propria personalità. Come tutto, in questo romanzo, essa incarna una dualità quasi contraddittoria: la magia, infatti, ha il suo aspetto di ordine, che comprende le formule per pozioni e incantesimi, ma si affida anche molto all’istinto, alle emozioni e alle sensazioni, che sono capaci di smuoverla e animarla in modo anche molto violento.

La concezione di magia che l’autrice esprime si va a localizzare tra quella caratteristica di saghe come Harry Potter e Signore degli anelli, ma ricorda molto anche le storie più classiche ambientate a Salem, e ancora la magia dei romanzi urban fantasy di Sergej Luk’janenko. È una magia pura e inquietante, innocente e sanguinosa.

2007525-bigthumbnail.jpg

In questa storia dove l’eccezionale esiste, temi profondi e delicati vengono esplorati: non solo l’adolescenza, con i suoi problemi, e il bullismo, ma anche l’isolamento, il “sentirsi diversi”. E ancora, su altri versanti, la violenza, la genitorialità e i legami familiari, l’amicizia, l’amore.

Essere madri… ci fa impazzire!”

Tutto sembra dividersi in un dualismo perfetto che si rivela essere sempre qualcosa di più, in un’ottica che vuole andare oltre le categorie antitetiche come il bene e il male, per toccare tutte le sfumature dei comportamenti e delle emozioni umane.

La comunicazione tra i personaggi, o la sua mancanza, è basilare per comprendere i delicati meccanismi che vengono a instaurarsi, così ben psicologicamente caratterizzati. La magia, nonostante invada gran parte della storia, non soppianta la psicologia dei personaggi, le loro reazioni emotive e, anzi, le dà fondamento, nutre le personalità dei protagonisti.

Ambizione, paura, resa, amore fraterno e non: sono solo alcuni dei sentimenti che più affondano le loro radici nei cuori delle protagoniste e di tutti i personaggi che vorticano loro attorno.

Il romanzo è il primo di una saga e lascia con tante domande e con un sentimento di attesa: cosa succederà?

Un romanzo bellissimo e che mi sento di consigliare sia ai ragazzi della stessa età delle protagoniste (14 anni), ma anche ai più grandi e a coloro che non si aspettano troppo dai libri per ragazzi: con questo titolo, vi ricrederete!

Scheda libro

Titolo: La profezia di mezzanotte
Autore: Irena Brignull
Editore: De Agostini
Pagine: 415
Prezzo: 14, 90€