Il mio nemico mortale – Willa Cather

Ho conosciuto Willa Cather di nome un paio di anni fa, avrei dovuto portare un suo romanzo ad un esame universitario, ma per una serie di vicissitudini ciò non è avvenuto. In questo modo ho procrastinato il mio approccio a questa autrice e, complici gli sconti Fazi dell’autunno scorso, ho deciso di acquistare, affascinata dalla copertina, Il mio nemico mortale. 

IMG_20200111_104618.jpg

L’io narrante della vicenda è Nellie, che racconta e descrive due momenti diversi di vita di Mrs Myra Henshawe. Incontra la protagonista della vicenda a quindici anni, quando la donna ne ha ormai quaranta. Myra ha sposato diversi anni prima Oswald Henshawe. I due si erano conosciuti e innamorati in gioventù, ma lo zio di Myra, nonchè suo tutore legale dopo la morte dei genitori, si era opposto al loro legame. Dopo una prima separazione Oswald era tornato e aveva chiesto ufficialmente la mano di Myra, avendo trovato un lavoro: non si era spezzata la loro relazione con la lontananza, era stata tenuta a galla da uno scambio epistolare attraverso il tramite della cara amica Lydia.

Il NO dello zio però era stato categorico: Myra si era trovata di fronte ad un aut aut. O il matrimonio con Oswald, o il denaro dello zio una volta morto. La scelta di Myra era stata passionale: una notte era fuggita con solo un borsellino e un manicotto e si era diretta al municipio per sposare il suo amore. Anni dopo Lydia e la nipote Nellie partono per le vacanze e arrivano a New York, dove hanno modo di rivedere la coppia felice. Ma i due, saranno ancora felici dopo tutto?

Nellie ci descrive Myra come una donna piena di fascino, ma con un carattere particolare e ambiguo. Impara a provare fastidio per quella risata che sembra nascondere qualcosa, così come impara a riconoscere le smorfie facciali della donna, facendo da testimone ad una relazione che non comprende e che viene messa a dura prova ad un certo punto, da una coppia di gemelli di topazio.

In seguito ad una litigata piuttosto furiosa, Nellie non rivedrà la coppia Henshawe fino a una dozzina di anni dopo, quando li ritroverà in una pensione, frequentata per lo più da gente con poco denaro, e ne potrà vedere il disfacimento.

Il romanzo che ci troviamo a leggere si lascia descrivere con difficoltà: l’intreccio narrativo non presenta colpi di scena, il racconto si delinea in due momenti temporali distanziati da poco più di dieci anni e il loro legame è dato dal punto di vista di Nellie. L’adolescente prima e donna dopo ci delinea una figura femminile affascinante ma che allo stesso tempo sembra suggerire sin da subito la crudeltà del suo destino e il senso di colpa per le scelte fatte. Già all’inizio, da quando conosciamo Myra la sensazione che ci rimane è di fastidio e malessere: non abbiamo di fronte una donna felice e innamorata, ma una donna che avrebbe voluto qualcosa in più e lo ha perso per sempre.

Lo stile di scrittura è molto bello, regala delle perle e delle frasi da legger e rileggere per la loro profondità, ma allo stesso tempo lascia in sospeso; si vorrebbe qualche ricchezza di descrizione in più. Rimane addosso l’idea di aver avuto solo un assaggio del menù proposto.

SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Fazi editore
Pagine: 89
Prezzo: 9,00€
Voto: 7/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...