La misura imperfetta del tempo – Monica Coppola

La misura imperfetta del tempo di Monica Coppola è un romanzo uscito a maggio 2019 per l’adolescente casa editrice Las Vegas Edizioni (è attiva dal 2007, dodici anni di lavoro, è o non è un’adolescente?).

Anche in questo caso un ruolo fondamentale nella conoscenza di questa casa editrice e del suo bellissimo catalogo l’ha giocato il Salone del Libro di Torino. Tra i tanti titoli però, quello che mi aveva più incuriosito è stato proprio questo e, anche se dopo un po’ di mesi, ho deciso di leggerlo.

La misura imperfetta del tempo è un romanzo al femminile. E sono proprio tre le donne protagoniste: Zita, sessantottenne vedova da poco; Lara, figlia di Zita, quarantenne in carriera; ed infine Mia, nipote di Zita e figlia di Lara, ventiduenne arrabbiata con il modo e molto introversa.

Quando Zita rimane vedova, Mia decide che deve prendersi cura di sua nonna esattamente come lei ha fatto quando Mia era bambina e Lara non voleva saperne di crescere. Ed è per questo che, nel tentativo di distrarre la nonna, la spedisce alle terme con altri anziani più o meno coetanei.

La partenza per Zita è una costrizione, non ha nessuna voglia di partire ed è sicura che si annoierà e non vedrà l’ora di tornare a casa. Ovviamente, niente di più sbagliato. Perché alle terme Zita farà la conoscenza di Santo e, pur tenendo sempre nel cuore il suo defunto Tore, tornerà ad aprire il cuore e ad amare.

Ma, come spesso succede, quest’accadimento non incontra il benestare di Mia. La sua gelosia, la sua mania del controllo, il suo essere perennemente arrabbiata con il mondo, la porta ad intraprendere una sorta di guerra fredda contro la nonna e il suo compagno.

E cosa importa se, per raggiungere il proprio scopo, dovrà chiamare Lara? Proprio lei, la madre che l’ha lasciata a Torino alle cure dei nonni ed è fuggita a Milano per inseguire la sua carriera. La donna che passa le sue giornate a lavorare, che ha tutto organizzato al secondo e che non conosce sua figlia e non si interessa di lei.

Sarà proprio il nuovo amore di Zita a dare una svolta alle loro vite, a metterle davanti alla realtà dei fatti e dei loro sentimenti. E proprio un segreto alla base dei loro rapporti spezzati tornerà prepotente tra loro, insieme ai fantasmi del passato, e pretenderà di essere svelato: chi era il padre di Mia? E perché Lara ha preferito farsi passare per una poco di buono piuttosto che rivelare la verità?

La misura imperfetta del tempo

Monica Coppola ha uno stile delicato che con un linguaggio semplice e alla portata di tutti racconta la storia di tre donne, di tre generazioni diverse per età ma soprattutto per modi di essere e di pensare, che si intrecciano e si fondono.

Nella sua apparente semplicità, La misura imperfetta del tempo è un romanzo psicologicamente forte. Ci racconta quanto, pur volendosi bene ed essendo legate da un amore che va oltre ogni cosa, le persone non riescano a impedire di farsi del male a vicenda. Racconta della voglia di fuggire da ciò che non sappiamo né vogliamo spiegare. Ma, soprattutto, racconta di quanto sia facile ritrovarsi e riequilibrare la propria vita.

La misura imperfetta del tempo di Monica Coppola non pretende di insegnare come si sta al mondo. Suggerisce solo di seguire sempre e comunque il proprio cuore.

Alla fine le cose belle te le devi prendere quando arrivano. E devi imparare a lasciarle andare quando se ne vanno. Anche l’amore fa così.


SCHEDA DEL LIBRO

Editore: Las Vegas Edizioni
Pagine: 221
Prezzo: 14€
Voto: 8/10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...