Le otto montagne

Screenshot_2017-05-12-10-21-50

Pietro nasce a Milano, all’ ombra delle montagne. Suo padre è un chimico, sua madre lavora in un consultorio e ciò che li unisce da sempre è la passione per la montagna. La montagna è la vera protagonista di questa storia: paesaggi alpini incontaminati, temuti e amati dall’ uomo che non fanno semplicemente da sfondo, ma diventano una vera e propria filosofia di vita.

Pietro, assieme ai suoi genitori, si reca ogni estate in un paesino chiamato Grana, ai piedi del Monte Rosa e lì cerca di indagare quella passione misteriosa. Si guarda attorno, si affatica seguendo le orme del padre, capisce poi che esiste una valle ed esiste una cima e che lì in montagna ognuno ha un posto che sente proprio.

Qualcosa sembra cambiare quando Pietro conosce Bruno, un ragazzino con cui ha ben poco in comune. Bruno vive a Grana da sempre, lì dove i ritmi di vita sono scanditi dalle necessità della natura, porta le vacche al pascolo e aiuta suo padre nel lavoro. Si consolida, estate dopo estate, un legame profondo, fatto di crescita e di scoperte tra due ragazzi nati e cresciuti in ambienti molto diversi, ma legati da un animo affine.

Cognetti affronta straordinariamente questo legame al maschile tra due bambini, poi uomini, fatto anche di poche parole, essenziale ma forte, necessario, quasi ancestrale.

Quando Pietro torna a Milano la vita in città sembra essere per tutta la sua famiglia una parentesi necessaria, ma difficile da accettare. Si ripresenta la malinconia, altro grande tema di questa storia, di cui ogni pagina è intrisa. La malinconia dell’estate ormai passata, delle attese, la mancanza di quel posto misterioso tra le nuove, dove Bruno vive anche durante l’inverno e il cielo sembra essere così vicino.

E’ un romanzo poetico, questo di Cognetti. Le parole sono scelte con estrema cura, tanto da risultare evocative. La scrittura attenta, delicata, lascia spesso spazio al non detto che rimane impresso molto più delle parole; ed è su quel non detto che si basa anche il legame padre-figlio. Il padre di Pietro è un uomo di poche parole, fragile, nervoso, costretto in una vita che non è come voleva e quasi impone al ragazzino quella passione misteriosa per la montagna, dapprima rifiutata, e poi , incredibilmente, capace di farsi spazio anche della vita di Pietro. Se c’è un posto dove il loro legame sembra consolidarsi, quello è Grana: Pietro diventa un osservatore attento capace di cogliere i piccoli segnali del padre, impara a conoscerlo condividendo con lui le prime scalate, i silenzi, le piccole vittorie, le cime.

“E sapevo una volta per tutte di aver avuto due padri: il primo era l’estraneo con cui avevo abitato per vent’anni, in città, e tagliato i ponti per altri dieci; il secondo era il padre di montagna, quello che avevo solo intravisto eppure conosciuto meglio, l’uomo che mi camminava alle spalle sui sentieri, l’amante dei ghiacciai.”

Per citare Eco: «Credo che si diventi quel che nostro padre ci ha insegnato nei tempi morti, mentre non si preoccupava di educarci. Ci si forma su scarti di saggezza.» Ci formiamo sugli scarti dei nostri genitori, come Pietro, che vive all’ ombra di suo padre e all’ ombra delle sue montagne, di quella passione così forte, una passione poi trasferita, che inizialmente li ha separati e poi li ha uniti per sempre.

Cognetti, con questa storia ci parla della montagna come metafora della vita e del rapporto che l’uomo instaura con essa. Affronta in maniera poetica anche il tema della solitudine, intesa come scuola formativa, necessità, condizione indispensabile per capirla davvero “la montagna”. E questo Pietro l’ha imparato sulla sua pelle e poi l’ha spiegato a noi.

Pietro ci dice che «Qualunque cosa sia il destino, abita nelle montagne che abbiamo sopra la testa.» e ci insegna che è con la testa all’ insù che bisogna vivere perché nelle giornate senza nebbia si possono vedere le Alpi anche da Milano.

 

SCHEDA DEL LIBRO:

  • TITOLO: Le otto montagne
  • AUTORE: Paolo Cognetti
  • CASA EDITRICE: Einaudi
  • NUMERO DI PAGINE: 180
  • PREZZO: 18,50
Annunci

One thought on “Le otto montagne

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...