La natura dell’amore – John Burnside

fff

Credits: @gatsby_books (instagram)

Tutte le donne che conobbi in vita mia sono Christina.[…] Erano tutte forme di Christina.

Si dice che l’abito non faccia il monaco e che le copertine non facciano il libro, ma è anche vero che spesso le copertine rappresentano il biglietto da visita della loro storia e questa de “la natura dell’amore” fa promesse meravigliose. Solo da una cosa forse sono stata tradita: la scritta “Romanzo”. Credo che sia una dicitura abbastanza fuorviante in quanto, secondo me, è sbagliato etichettare questo libro e racchiuderlo in questo genere. “La natura dell’amore” è un romanzo-memoir sulla vita dell’autore, delle sue esperienze, delle donne – amanti e non – che ne hanno fatto parte; ma è anche un saggio in quanto i capitoli del libro sono intramezzati da digressioni dove l’autore parla di tutto: filosofia, sociologia, musica, arte. Ogni digressione è inserita ah hoc e trova riscontro nel testo e nella narrazione. Insomma, ogni digressione ha un suo perché.

È complicato parlare di questo libro, proprio perché non è un romanzo d’amore, ma un romanzo sull’amore, che parla di esso senza inscatolarlo in definizioni e cliché convenzionali, senza delinearlo, e producendo così maggiore fascino.

In realtà, devo fare però una confessione, “la natura dell’amore”  non mi ha preso fin da subito e anche alla fine ho avvertito un senso di vuoto – e ora? Cosa mi rimane? –  Solo in seguito, dopo averci riflettuto, ne ho avvertito la potenza. Cosa c’è di meglio di un autore che con uno stile sinuoso, ma essenziale, attraverso una specie di studio e un’indagine sulla natura dell’attrazione, ripercorre coraggiosamente la propria esistenza, mettendo a nudo i suoi pensieri più intimi (e per nulla banali)?
Il libro è pregno infatti della sua personalità, ma a volte lascia intenzionalmente (a mio parere) delle zone d’ombra: un pensiero, un’opinione o una sensazione che non si riescono a capire in pieno, come se capirlo non facesse parte dell’intento dell’autore. Nonostante Burnside si metta a nudo davanti ai suoi lettori, ci sono certe cose “intime”, certi pensieri contorti, nei quali non ci vuole far entrare. Riesce in questo modo a preservare per tutto il libro un certo alone misterioso e affascinante.

Per tutta la vita Burnside, creatura intrappolata dalle convenzioni e dalla società,  è fuggito da tutto ciò che ha desiderato più ardentemente e questo libro tenta di spiegarci il perché. L’autore è un fuggiasco dell’amore e ci regala la sua versione perturbante e la sua tesi saggia e a volte cupa su di esso.
Lo consiglio a chi ha voglia di riflettere e di uscire un po’ fuori dagli schemi.

Il mio rifiuto non era – o non era soltanto – un sintomo di ordinaria paura, una perversione freudiana o l’azione del senso di colpa cattolico, e neppure il vecchio stereotipo madonna – puttana, ma piuttosto una specie di complimento e più precisamente un altissimo complimento. Perché era come riconoscere fin dal principio che le alternative offerte dal mondo esterno, a noi in particolare in quella circostanza, non erano alla nostra altezza, e io non avrei sopportato di contribuire a una discesa negli inferi del convenzionale che avrebbe visto uno di noi due ripetere, dopo qualche bicchiere di troppo, la vecchia definizione di Ambrose Bierce, l’amore è una malattia temporanea curabile con il matrimonio.

 

TITOLO: La natura dell’amore20120303_bkp514
AUTORE: John Burnside
CASA EDITRICE: Fazi Editore
NUMERO DI PAGINE: 300
PREZZO: 17,50€

Annunci

One thought on “La natura dell’amore – John Burnside

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...