Consigli in pillole: 10 romanzi con un uomo in copertina da leggere assolutamente

Buongiorno lettori! Eccoci qui con il quinto appuntamento con la serie di articoli-consiglio riguardanti le categorie della Challenge 2017. Oggi parliamo di romanzi con un uomo sulla copertina. Ecco i nostri consigli in ordine casuale 🙂

P.s.
– per chi si fosse perso la nostra challenge, trovate tutte le info qui;
– per chi invece si fosse perso i precedenti “Consigli in pillole”:
Primo articolo: romanzi di formazione
Secondo articolo: romanzi epistolari
Terzo articolo: romanzo con titolo in lingua straniera
Quarto articolo: romanzi basati su storie vere

1. Madame Bovary – Gustave Flaubert

17910857_10212587533031550_1175288160_nIncriminato per oltraggio alla morale e poi assolto, questo romanzo è un tipico esempio di letteratura realista. Madame Bovary c’est moi, sono io, era solito confessare l’autore, alludendo ad un io collettivo da cui nessuno può ragionevolmente tirarsi fuori. Madame Bovary è la storia di una ragazza di campagna, Emma Roualt, impregnata di desideri di lusso e romanticherie, provenienti dai romanzi letti, che sposa un modesto, noioso e tranquillo medico, Charles Bovary. La vita che Emma si ritrova tra le mani non è quella che avrebbe voluto avere e quella che si aspetteva, perciò cercherà in tutti i modi di sfuggire dalla quotidianità e dalla piattezza delle giornate trascorse in un piccolo paesino con suo marito. Emma si macchierà di adulterio, affascianata da chi ama la vita e le cose più belle come le ama lei. Un personaggio che sottolinea il senso di inadeguatezza dell’uomo, la macchia della noia e dell’esistenza senza uno scopo. Madame Bovary è un classico senza tempo, assolutamente da leggere almeno una volta nella vita.

2. Il ladro di nebbia – Lavinia Petti

17838742_10208269149358090_1397747294_oSe avete amato L’ombra del vento di Ruiz Carlos Zafón, e non disprezzate un pizzico in più di fantasia, questo libro fa di certo per voi. Trasuda lo stesso amore per la lettura e per le storie che si ritrova nella celebre opera dell’autore spagnolo, aggiungendo riferimenti a opere letterarie di Pirandello, Carroll e J.M. Barrie, il tutto speziato da atmosfere oniriche che Freud avrebbe sicuramente apprezzato. Il romanzo parla di Antonio Maria Fonte, cinquant’anni, eccentrico scrittore di best seller: un protagonista che si ritroverà coinvolto in un viaggio alla ricerca di se stesso, dei suoi ricordi, che lo porterà a incontrare tanti personaggi colorati e particolari e ad attraversare Tirnaìl, il Regno delle Cose Perse. Si tratta di un libro di quelli che leggi tutto d’un fiato, e che ti fa sentire un’altra persona non appena richiudi le sue pagine.
Ognuno ha una Tirnaìl da visitare e delle cose, o persone, che ha perso e che vorrebbe ritrovare.

3. Tenera è la notte – Francis Scott Fitzgerald

tenera-e-la-notte_7560_x1000Dick, giovane neuropsichiatra, s’innamora e si sposa con Nicole, una sua ex paziente. Dopo essersi sposati si trasferiscono in Costa Azzurra dove, grazie al patrimonio di Nicole, conducono una vita agiata ma frivola. Ed è proprio questa frivolezza che condurrà Dick alla deriva mentre Nicole riuscirà, come una fenice, a risorgere dalle ceneri di questo amore in declino. Romanzo molto psicologico ma che, grazie alla meravigliosa scrittura di Fitzgerald, si fa leggere in maniera scorrevole. Uno dei più bei romanzi della letteratura americana moderna.

4. Educazione siberiana – Nicolai Lilin

62ad5b7a4bb5e136f92afe6e3ab127d4Opera prima di questo scrittore russo e anche, si può dire, autobiografica. Lilin racconta la sua crescita, da bambino ad adolescente e poi adulto, nella comunità siberiana della Transnistria. Una comunità fatta di “criminali onesti” dediti allo spaccio, ai furti e alle rapine ai danni dello stato e dove l’omicidio è legittimato solo da una “giusta” causa. Dove lo stupro, lo strozzinaggio e l’omosessualità sono assolutamente vietati. Queste le regole degli Urka. Questo il luogo in cui si formerà il protagonista di questa storia. Pagine dure che lasciano il segno ma che “volano via” grazie ad una narrazione fluida e scorrevole.

 

5. Uno, nessuno e centomila – Pirandello

6694055_1234353“Più amaro di tutti, profondamente umoristico” così Luigi Pirandello definisce il romanzo “Uno, nessuno, centomila”.
Partendo da un piccolo dettaglio del proprio volto, apparentemente privo di importanza, il protagonista, Vitangelo Moscarda comprende l’impossibilità di una sovrapposizione tra l’immagine che lui ha di se stesso e quella che hanno gli altri.
Ancora più amaro del Fu Mattia Pascal, questo romanzo vede il protagonista identificarsi con la natura, col fluire incessante della vita,rigettando tutto ciò che è forma, gabbia, maschera.
Prima maschera inconsapevole, poi maschera consapevole ed infine maschera nuda liquefatta.
Un romanzo che non porta a una conclusione canonica. Pirandello evita ancora una volta un finale plausibile e forse mette sotto i nostri occhi una conclusione “inconcludentemente vitale”.

6. La rancura – Romano Luperini

71l5zb1wp3l  Romanzo denso in tutti i sensi, dalle motivazioni che hanno spinto Luperini a scriverlo(la malattia) agli argomenti trattati. La “rancura” è il conflitto inevitabile tra padre e figlio, un conflitto che si fa anche generazionale. Tre protagonisti (padre, figlio, figlio del figlio), tre uomini, tre generazioni, tre ideali politici differenti, tre personalità diverse, irrompono sulla pagina scritta quasi a voler uscire da questa per diventare di carne e ossa.
Sotteso dal complesso edipico, il romanzo è diviso in tre parti ben differenziate l’una dall’altra.
Nella prima parte il figlio parla del padre per riconciliarsi a quest’ultimo dopo la sua morte, nella seconda parte scrive di sé, nella terza parte è il figlio del figlio a scrivere.
L’inconciliabile contrasto che sembrerebbe quasi un dato di fatto, una situazione di stallo, è paradossalmente superato proprio dalla pagina scritta. È la pagina scritta che tiene insieme e che si fa portatrice di significato ed evocatrice di molteplici ricordi.

7. La grammatica di Dio – Stefano Benni

9788807017339_quarta

Il mio primo Benni che mi ha fatto innamorare della sagacia di questo scrittore irriverente. “La grammatica di Dio” è una raccolta di racconti stravaganti e a volte anche amari e crudi. Una raccolta che offre un affresco particolare e a tratti inquietante dell’umanità, delle sue paure e delle sue gioie. Troviamo personaggi sui generis come uomini d’affari , frati, vecchiette invidiose e cani troppo fedeli. Consiglio questa lettura a chiunque si voglia dedicare a qualcosa di non troppo impegnativo ma che voglia ugualmente ricavarne riflessioni: con Benni tutto ciò è possibile, grazie alla sua scrittura unica che riesce ad essere contemporaneamente amara e divertente.

8. Narciso e Boccadoro – Herman Hesse

41ieyojom7l-_sx347_bo1204203200_

Nel Medioevo leggendario del cattolicesimo monastico si snoda la storia dell’amicizia tra il dotto e ascetico Narciso, destinato a una brillante carriera religiosa al riparo dalle insidie del mondo e della storia, e Boccadoro, l’artista geniale e vagabondo, tentato dall’infinita ricchezza della vita e segretamente innamorato anche della sua caducità. Ripercorrendo una delle epoche storiche che più gli erano congeniali, Hermann Hesse torna a riflettere sul tema, centrale nella sua poetica, del contrasto tra natura e spirito, fra eros e logos, fra arte e ascesi, alla ricerca di una loro possibile integrazione(fonte:anobii).
Un libro che esplora i confini dell’’essere umano, i suoi dissidi interiori e l’equilibrio/lotta tra gli opposti. Narciso e Boccadoro sono personaggi che si fanno carico di tutto questo e ne diventano metafora e insegnamento. Come se Herman Hesse volesse guidarci e farci da maestro. Grazie a questa lettura mi sono sentita soddisfatta, soprattutto perché ho avvertito di aver letto qualcosa che “va letto assolutamente nella vita”. Un’ esperienza di lettura commovente e delicata che lascia il segno.

 

9. Shining – Stephen King 

71revdhkbrlSe nelle nostre rubriche consigliamo quasi sempre uno dei libri di King, un motivo c’è. Shining, poi, è stato il primo libro del maestro dell’orrore che io abbia letto. Ci troviamo all’Overlook, un albergo misterioso che ha ospitato numerosi delitti e suicidi, e siamo nella stagione invernale. L’albergo è chiuso e Jack Torrance, scrittore sull’orlo del fallimento, accetta il lavoro di guardiano invernale e ci si trasferisce insieme alla famiglia. Inizia da qui la sequela di eventi “sinistri” e il cambiamento spaventoso di Jack che avviene in un crescendo di tensione e di situazioni ansiogene descritte da King in maniera come sempre magistrale. Non sono assolutamente riuscita a staccarmi da questo libro, soprattutto in determinati punti dove la tensione raggiunge livelli incredibili. Lo consiglio a tutti gli amanti del genere, ma anche a chi vorrebbe approcciarsi a King per la prima volta.

10. I dolori del giovane Werther – Johann Wolfgang von Goethe

coverUno dei primi grandi scritti del Romanticismo, “I dolori del giovane Werther” ci regala uno dei più grandi personaggi della letteratura. Werther è un giovane capace di sublimare il mondo intorno a sè e di regalarci riflessioni e pensieri di infinita bellezza e delicatezza; di descriverci l’estasi della natura e delle passioni più forti e degli amori non corrisposti. Contemporanemante sensuale, affascinante e drammatico, questo è uno di quei libri “da leggere assolutamente prima di morire”, magari in un momento in cui si è pronti ad affrontare una lettura di questa portata. 

 

 

 

 

 


Autrici: dolcedany84ilariamoruso, patriziaHeathcliff, maribooklover93, sabrinaGuaragno

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...