Consigli in pillole: 10 romanzi con titolo in lingua straniera da leggere assolutamente

Buongiorno lettori! Eccoci qui con il terzo appuntamento con la serie di articoli-consiglio riguardanti le categorie della Challenge 2017. Oggi parliamo di romanzi con titolo in lingua straniera. Ecco i nostri consigli in ordine casuale 🙂

P.s.
-per chi si fosse perso la nostra challenge, trovate tutte le info qui
-per chi invece si fosse perso i precedenti appuntamenti con “Consigli in pillole”:
Primo articolo: romanzi di formazione
Secondo articolo: romanzi epistolari

1. Fight Club- Chuck Palahniuk

17012529_10212154411123773_232931398_n L’anonimo protagonista del romanzo è un uomo ormai disilluso e disincantato che vive le sue giornate in modo sempre uguale, senza stimoli. Ma l’incontro improvviso con Tyler Durden cambia tutto. Tyler rappresenta ciò che lui non è e non potrà essere, è un uomo con un piano. Crea una vera e propria rete, un club dove ci si riunisce per picchiarsi. La prima regola del fight club, infatti, è non parlare mai del fight club. Palahniuk delinea in modo realistico e spietato una società consumistica che ha perso i suoi valori fondamentali. Fight club è tutto un mondo da scoprire, ricco di colpi di scena.

2. Zero K – Don Delillo

zerokUn libro che, a mio parere, rasenta e forse raggiunge pienamente la perfezione stilistica. Il narratore è Jeffrey Lockhart, figlio di Ross Lockhart, magnate della finanza. Ross  vuole che Jeffrey lo accompagni nel deserto del Kazakistan, in un’ azienda futurista di nome Convergence. Attraverso le più avanzate tecnologie informatiche, questa azienda si pone il fine di conservare corpi e coscienze grazie ad un processo di criogenesi, affinché la morte sia solo un passaggio verso la rinascita. In questo romanzo è molto labile il rapporto tra fede nella scienza e religione. Tutto il libro è pervaso da uno stato di attesa che induce il lettore non solo all’analisi profonda di ciò che viene descritto, ma anche ad una sorta di autoanalisi, un’autorivelazione di sé stessi e di ciò che sono le nostre opinioni rispetto a tematiche tanto importanti quanto lontane dal pensiero quotidiano. Delillo è uno scrittore analitico ed evocativo, capace di toccare corde delicate, di sfiorare i labili confini tra vita e morte, tra realtà e percezione, con una scrittura asettica e rarefatta. Un dio della parola che si insinua, ma soprattutto uno scrittore che celebra le immagini e parla attraverso di esse.
Per la recensione completa cliccate qui.

3. Battle Royale – Koushun Takami

battle_royale_libro_takamiHo letto Battle Royale parecchi anni fa e ancora oggi ricordo la mia esaltazione nel leggerlo e la voracità con la quale l’ho concluso. Vi deve piacere il genere, questo è certo, ma in ogni caso io gli darei una possibilità perché vale ed è un’esperienza di lettura straordinaria. Dal 1947 ogni anno una classe di quindicenni delle scuole superiori giapponesi viene scelta per partecipare al Programma: intrappolati su un’isola deserta, controllati tramite collari radio, i ragazzi sono costretti a uccidersi l’un l’altro o a essere uccisi. Finché non ne rimanga uno solo… (vi ricorda qualcosa?). Si inserisce nel genere distopico, ma si può benissimo vedere anche come un survival d’azione pieno di adrenalina pura, leggermente pulp e splatter. A mio parere libro geniale e crudo, avvincente dalla prima all’ultima pagina e con un finale sorprendente. Volendo lo si può accostare con dovuta cautela al “Signore delle mosche”, ma anche chi ha letto “Hungar Games” proverà un’eco fortissima (ma ci tengo a precisare che Hungar Games è stato scritto DOPO). Io l’ho amato e quindi..ve lo consiglio! 🙂


4. Blankets  -Craig Thompson

 

16934220_757072101117706_154991094_nLeggere una graphic novel è diverso rispetto alla lettura di un romanzo e se questo è vero, lo è ancor di più per Blankets, in cui le tavole non solo danno il giusto supporto alla storia, ma spesso la sovrastano. Un “tomone” di 592 pagine narra la storia di Craig a partire dalla sua infanzia, infanzia che giocherà un ruolo chiave nella sua vita da adulto. Craig infatti, cresce assieme al fratello sotto il peso di un’educazione religiosa opprimente, che genera più domande che risposte e che lo spinge spesso a mettere da parte i suoi sogni. Tutto sembra cambiare quando Craig incontra Reina. Il loro amore è raccontato con estremo candore, mai banale, mai stucchevole. Due anime fragili s’incontrano: Craig venera Reina, ma mille pensieri affollano la sua mente: ci sono le influenze della madre, i dogmi religiosi e non meno importanti, le sue paure; d’altra parte anche Reina cerca di gestire al meglio i suoi problemi familiari. Con Blankets fa capolino qualche ricordo del nostro passato e ci sembra di rivivere un po’ la nostra storia: un ragazzo alla ricerca del suo posto nel mondo, con le paure e le delusioni che crescendo è inevitabile affrontare. Chi non l’ha provato? Chi non si è sentito un po’ Craig?


5. Purity- Jonathan Franzen

16934127_10212154470485257_844114768_nSu Purity Tyler, detta Pip, gravano troppe responsabilità, il debito scolastico, una madre ipocondrica e nessun padre . L’incontro fortuito con un’attivista a Oakland la porta ad accettare uno stage presso la sede del Sunlight Project, un’organizzazione clandestina che divulga via rete notizie riservate sui traffici mondiali. Così non solo potrà aiutare il mondo ad essere migliore ma anche a cercare notizie su suo padre. Purity si ritroverà a conoscere personalità del calibro di Julian Assange e a stravolgere la sua vita. Franzen ancora una volta incanta con il suo stile attraverso una vera e propria galleria di personaggi, in un tempo e spazio che variano dalla Germania dell’Est degli anni 80 a Philadelphia, Denver, alla Bolivia di oggi.

.6. Duma Key- Stephen King

16923697_757071801117736_1103989155_nDuma Key è un posto paradisiaco, un’isola semideserta dispersa nei mari della Florida. Su quest’isola si trova Big Pink: una deliziosa villa sulla spiaggia dove Edgar Freemantle decide di trasferirsi in seguito ad un tragico incidente. Ma Duma Key non è un posto così noioso come Edgar pensava, qui conosce Wireman, che in un’altra vita faceva l’avvocato (e con cui scopre di avere molto in comune!) e la signora Elisabeth, anziana donna afflitta dal morbo di Alzheimer, nel cui passato sembra celarsi un mistero. Durante il soggiorno a Duma Key, Edgar, pur privo di un arto a causa dell’incidente, riscopre una vecchia passione: la pittura. Il suo talento ha però un risvolto decisamente meno piacevole quando capisce che i suoi disegni possono influenzare la realtà e i suoi incubi sembrano prender vita. Qualcosa o qualcuno si sta servendo di Edgar per liberarsi da una millenaria prigionia? La chiave sembra essere l’anziana Elisabeth, che in un momento di lucidità, rivela di aver avuto la medesima possessione da bambina.

7. Notre Dame de Paris – Victor Hugo

81dqrmccdml

Parigi. Gennaio 1482. Un gruppo di zingari gitani prende possesso di una parte della città di Parigi e la ribattezzano Corte dei Miracoli. Durante la Festa dei Folli monsignor Frollo scorge la piccola Esmeralda tra gli zingari, che intrattiene il popolo con canti e balli insieme alla sua fedele amica Dalì (una capretta), e se ne innamora. Ma la sua posizione religiosa non gli permette di manifestare i suoi sentimenti e così il sentimento per Esmeralda si trasforma ben presto in un’ossessione. La stessa ossessione che gli farà decidere di rapire la piccola zingara e di portarla tra le mura di Notre Dame. Tra quelle stesse mura vive anche Quasimodo, il piccolo campanaro gobbo e sordo che fu accolto e cresciuto proprio da monsignor Frollo. Le circostanze porteranno Quasimodo ed Esmeralda a stringere una bella amicizia che accompagnerà il lettore in tutto il libro, insieme al misterioso mondo dell’alchimia, alla colorata e caratteristica vita degli zingari e alla conoscenza del valore della polizia cittadina. Il tutto sullo sfondo di una Parigi di fine XV secolo che catturerà il lettore e lo conquisterà.

8. Haiku

9780226922218Qualsiasi edizione o raccolta voi scegliate, gli Haiku sono frammenti di pura poesia giapponese che vanno letti e assaporati almeno una volta nella vita. Lasciatevi trasportare dalle pennellate e dai tocchi leggeri di questi versi. Amplificate l’immaginazione ed evocate i fiumiciattoli, gli uccelli, il vento, le foglie. Date un senso vostro e personale e apprezzate la magia orientale. Un’esperienza di lettura che vi consiglio di fare con tutto il cuore!

9. Revolutionary Road – Richard Yates

124_revolutionaryroad_1175289944Richard Yates esplora la vita piena di apparenza e ipocrisia di Frank e April, una coppia della middle class americana. Nonostante l’ambientazione negli anni ’50, Revolutionary Road appare più che mai attuale e sembra ricordarci che nulla è cambiato nella nostra così frequente incapacità di amare. Ognuno di noi si chieda quanti Wheeler conosce? Un amaro romanzo, scritto divinamente, sull’infelicità e sui rimpianti. Un libro incantevole e devastante allo stesso tempo. Leggete prima il libro e solo successivamente concedetevi la visione del film.

10. Magic Kingdom – Elkin Stanley

9788887765892_0_0_317_80Una lettura che assomiglia tanto a un giro sulle montagne russe. La trama è estremamente interessante e originale. Eddy dopo aver perso Liam, suo figlio di 11 anni, per un brutto male, decide di avventurarsi in una nuova impresa: portare un gruppo di giovanissimi malati terminali a Disney World. Prima di leggere questo romanzo ero convinto che raccontare una storia del genere potesse scivolare nella narrativa del dolore e sfociare nel melodramma; invece Stanley Elkin consegna al lettore la semplice verità del suo racconto. Surreale e divertente.

 

 

 

Autrici: PatriziaHeathcliff,  yorukoe, dolcedany84, ilariamoruso, londa92

Annunci

2 thoughts on “Consigli in pillole: 10 romanzi con titolo in lingua straniera da leggere assolutamente

  1. Pingback: Consigli in pillole: 10 romanzi basati su storie vere da leggere assolutamente | Leggendo a Bari

  2. Pingback: Consigli in pillole: 10 romanzi con un uomo in copertina da leggere assolutamente | Leggendo a Bari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...