La strada del ritorno è sempre più corta – Valentina Farinaccio

 

9788804661740_0_0_1523_80

I libri migliori arrivano sempre per caso, quando meno te lo aspetti. A me succede spesso, per un curioso gioco del caso, che arrivino sempre alla fine dell’ anno, quando sono a casa dei miei, vicino al camino e leggo con le cuffiette per sovrastare il rumore di bambini, televisione, parenti che vanno e che vengono. “La strada del ritorno è sempre più corta” è forse il libro più bello del mio 2016. Devo ancora tirare le somme, ma ora, a dieci minuti dalla conclusione del romanzo, la mia impressione è questa. Questo libro racchiude quello che cercavo da un po’ nelle mie letture: un’emozione pura, incantata, profonda.

Il romanzo di Valentina Farinaccio racconta le vicende di una famiglia di Campobasso, una famiglia  “disciplinatamente smembrata”. Tre figure femminili come colonne portanti della storia: Vera, Lia, Santa, rispettivamente figlia, moglie, madre di Giordano Lorenzini, morto all’età di trent’anni. Tre donne che devono superare la perdita dell’ uomo che amano, ma che per molti anni non lo fanno, per una scelta, per timore. Donne che scappano per non guardare e non affrontare, finché un giorno Vera decide di riappropriarsi di un passato che nessuno le ha mai raccontato, di un padre che nessuno le ha mai ricordato.
La scrittura è decisa, ricca di particolari. Parole come sensazioni palpabili, descrizioni evocative che ti fanno sentire il sapore e l’odore delle cose. Il linguaggio è spensierato e ironico, ma in alcuni punti l’autrice, pur mantenendone la freschezza, riesce a renderlo drammatico e denso e questo è un pregio non indifferente. Una peculiarità che fa sì che tu possa sentirti vicino alla storia come fosse la storia della tua vita o di persone che conosci bene. In parecchi momenti ho avuto una voglia irrefrenabile di offrire una tazza di caffè a Vera o a Lia anche se Lia il caffè non lo beve, perché è veleno.
Poi non è da tutti raccontare una storia di cui si sa già il finale e riuscire a tenere il lettore incollato alle pagine. Hai sempre la sensazione che ci sia ancora qualcosa di grande che il libro possa raccontarti, ed è così. Questo libro si fa divorare, si fa vivere, respirare, assaporare ed è stato un immenso regalo per il mio 2016.

 

«Che cosa ha fatto Yoko Ono il giorno dopo che hanno ammazzato Lennon?
Ha spalmato la marmellata di more su quattro fette biscottate(due a testa) rendendosi conto d’improvviso che c’era da dimezzare un’intera vita di abitudini? »

 

Autore: Valetina Farinaccio
Editore: Mondadori
Pagine: 216
Prezzo: 18,00€

 

(In collaborazione con Thrillernord )

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...