Kafka e la bambola viaggiatrice di Jordi Sierra i Fabra

20161004_125146

Oggi vi parlo di un libro dolce e tenero come un cupcake. Un libro che compri e leggi in un solo giorno e che ti lascia con un sorriso in viso e la voglia di raccontare questa incredibile vicenda a qualcuno. Il protagonista di questa storia (che poi tanto inventata non è) è Frank Kafka, uno scrittore complesso che tutti noi associamo a opere “tormentate”, profonde. In questo libro si racconta di un episodio che non tutti conoscono, realmente avvenuto ma romanzato dall’autore Jordi Sierra i Fabra che prova immaginarsi come, questa storia, possa essere nata e proseguita.

20161006_175802

Frank Kafka (nel libro il nome viene ripetuto sempre, completo, come a voler ricordare al lettore di chi stiamo parlando, della serie “E’ stato Frank Kafka eh, mica Topolino”) sta passeggiando nel parco di Steglitz quando si imbatte nel pianto disperato di una bambina. Non riesce proprio a escludere quel suono dalla sua testa o a fare finta di niente. Magari si è persa? Qualcuno le ha fatto del male? No, niente del genere. Ha smarrito la sua bambola, Brigida. E’ inconsolabile. Dal niente, nella mente di Kafka, si forma subito un’idea, una soluzione pratica per placare il dolore della piccola: la bambola non si è smarrita, è semplicemente partita per un lungo viaggio.

“E lei come fa a saperlo?”
“Beh…io sono il postino delle bambole. Ho una lettera per te da parte di Brigida ma te la porterò domani perchè oggi ho finito il mio turno di lavoro”

Immaginate la scena? Il ritorno a casa dello stesso autore di “La metamorfosi” che si deve mettere alla scrivania e inventare una lettera fingendosi una bambola? La scena è esilarante, ma Frank vuole fare le cose per bene e così, giorno dopo giorno, assistiamo agli incontri nel parco e alla lettura di queste belle e preziose lettere che serviranno a Elsi per imparare che il distacco non è una cosa poi così negativa, che separarsi a volte serve per crescere, che viaggiare è bello magico. Kafka non lascia niente al caso, vuole placare il cuore della piccola e quel compito di responsabilità che si è preso nei suoi confronti lo spinge a recarsi ogni giorno a quegli strani appuntamento, con una nuova missiva e una nuova storia.

20161006_181428

Durante la lettura ho fatto mille foto a varie citazioni per condividerle con le mie amiche, ero davvero – innamorata – di questa versione di Kafka, delle parole che venivano dette e del motivo per cui si era imbarcato in quella strana e bella avventura. Questo è un libro che consiglio, il romanzo perfetto per affrontare un periodo “no” con la lettura. Una favola dolce da leggere ai propri figli o semplicemente a se stessi.

Alla fine del libro troviamo le parole di Jordi Sierra i Fabra che ci racconta come, queste lettere, siano state cercate in lungo e in largo ma mai trovate. Immaginate che meraviglia potrebbe essere se un giorno saltassero fuori? Magari una bambina, frugando in un vecchio baule impolverato, si ritroverà in un mano questa magica e unica corrispondenza tra Brigida, la bambola, ed Elsi, la sua padroncina. ♥

Scheda libro:

Editore: Salani
Prezzo: 8.50 euro
Numero di pagine: 120

Annunci

2 thoughts on “Kafka e la bambola viaggiatrice di Jordi Sierra i Fabra

  1. Wow, che bel libro e che bella recensione. Credo proprio che sarà il libro che mi autoregalerò per il mio compleanno, il mese prossimo.
    Grazie ❤
    “I libri sono inviti a straordinari viaggi […]”

    Liked by 1 persona

    • Grazie a te! Io l’ho scoperto per caso perché una ragazza su fb lo stava cercando. Era andato fuori catalogo! Per fortuna la Salani ha ristampato una nuova edizione ❤ costa anche poco 😀

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...