L’estate più piovosa di Milano – Pierluigi Spagnolo

La più piovosa dell’ultimo secolo. I giornali e le tv avevano etichettato così quella insolita estate del 2014. Al netto del sensazionalismo, asciugando la naturale enfasi dei mass media, tra gli ombrelli sgocciolanti e le giacche fradice, dalle pozzanghere in cui annegavano le traversine dei binari del tram, affiorava comunque un’inoppugnabile verità: nel mese di luglio a Milano aveva piovuto quasi tutte le mattine, quasi tutte le notti.

Inizia così L’estate più piovosa di Milano di Pierluigi Spagnolo.

001

Ed è sullo sfondo di questa Milano piovosa, cosmopolita e attiva che vengono raccontate le storie di quattro personaggi.

Massimo De Palo, ragazzo pugliese trasferitosi a Milano per avere un futuro, si ritrova in cerca di un lavoro dopo aver perso il suo impiego come agente commerciale presso un’importante azienda a causa di un provvedimento sportivo. Perché Massimo, oltre ad essere un agente commerciale, è anche un tifoso ultras. E, in quella domenica di marzo, si ritrova fuori dallo stadio San Siro a partecipare ad una contestazione verbale contro la sua squadra. Ed è a seguito di questa contestazione che, individuato dalla Digos nel gruppo di cinquanta tifosi coinvolti, riceve un Daspo (provvedimento secondo cui viene vietato l’accesso allo stadio ai tifosi sia per le partite in casa che fuori casa) e perde il lavoro.

Roberto Galimberti, uomo quarantenne e poliziotto, durante le sue indagini si concede delle pause alquanto discutibili per un poliziotto. Infatti lui è ossessionato dal sesso a pagamento. Alla continua ricerca di prostitute ‘di lusso’, di quelle che ricevono solo in casa, per soddisfare i suoi impulsi e per dare una scossa alla sua vita che scivola nell’oblio grazie anche ad un matrimonio che non lo soddisfa più.

Domenico Ciccolella è un senza tetto. Ma lo è diventato adesso. Era un guardiano notturno che, dopo anni passati a lavorare e risparmiare, si ritrova invischiato nella rete del gioco d’azzardo. Video poker, scommesse, gratta e vinci, tavoli da gioco. La febbre del gioco l’ha consumato, facendogli consumare tutti i suoi risparmi e riducendolo solo e costretto a dormire per strada. Combattendo contro la fame, il freddo e i teppisti che, per noia, cercano divertimento nel maltrattamento dei senza tetto.

Ed infine c’è Marina, giovane e bellissima ragazza russa che si trova a Milano per prostituirsi. Entrata nella scuderia di un’organizzazione russa che opera in tutto il mondo, si ritrova a viaggiare per il suo lavoro e a conoscere vari uomini con i loro problemi e vizi. Nata e cresciuta in un paesino, mente ai suoi genitori che la credono una stagista. Tira un sospiro di sollievo solo durante la sua ‘vacanza’ mensile: i giorni di ciclo. Ed in quei giorni gira Milano come una turista, immaginando di essere una semplice ragazza in vacanza.

Le vicende di questi quattro personaggi s’intersecano tra loro sullo sfondo di una Milano all’apparenza scintillante di lusso e sfarzo ma che nasconde, nel suo profondo, il marcio e la delinquenza più infima.

I personaggi sono ben caratterizzati. L’autore ci accompagna, riga dopo riga, alla scoperta della psiche dei personaggi e, più in generale, alla psiche del mondo. Veniamo a conoscenza di paure, di vizi e di pregi nascosti dietro le maschere che ognuno indossa ogni giorno. Vengono raccontate le passioni ed i sogni di diverse generazioni, messe a dura prova da quello che è il mondo. Da quello che è il mondo di oggi: cattivo e pieno di compromessi.

Una narrazione scorrevole che ci apre le porte di diversi mondi, di diversi modi di pensare e che induce a riflettere.

Non si tratta del classico romanzo. Ma sicuramente di qualcosa di più. Pur essendo nomi e personaggi fittizi, la storia narrata è ispirata a vicende realmente accadute durante l’estate del 2014, l’estate che vedeva la preparazione dell’Expo 2015 e che portava cambiamenti e stravolgimenti nella vite delle persone.

14724158_10207831370877284_1275636829_o

Non mi resta che ringraziare l’autore, Pierluigi Spagnolo, mio concittadino, per aver scelto il nostro gruppo di lettura e aver dato a me la possibilità di leggere questa piccola perla di arte contemporanea.



SCHEDA DEL LIBRO

Autore: Pierluigi Spagnolo
Editore: MZ Lab
Pagine: 155
Prezzo: 14.00€

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...