Frammenti di un discorso amoroso: sopravvalutato o sorprendente?

barthes_frammentiRoland Barthes ha il coraggio di parlare dell’innamoramento, un tema su cui tutti credono di poter scrivere. Il suo libro, dal titolo davvero accattivante, è un elenco di frammenti ordinati alfabeticamente che hanno come tema i principali aspetti legati al rapporto amoroso. Di ogni frammento, Barthes fornisce una definizione e delle citazioni di origine diversa (stralci del Werther, letture occasionali e conversazioni private dell’autore) e per farlo gli attinge a un patrimonio culturale davvero ampio (da Oriente a Occidente). Barthes fa accomodare l’innamorato e ne esamina ogni sintomo, ogni segnale, ogni questione d’amore. Scrivere sul discorso amoroso, parlato da milioni di individui eppure così privato e riservato senza banalizzarlo, non deve esser stato facile.

Lo reputo un testo talmente ricco di contenuti da dover esser preso a piccole dosi. Io ne consiglierei, come per i medicinali, l’assunzione al bisogno. Bisognerebbe scriverlo sulla copertina: da assimilare lentamente. Inoltre, la sua lettura non può essere imposta. Credo sia stato questo il nostro errore come gruppo di lettura: averlo scelto come lettura mensile imponeva di leggerlo in poco tempo. Secondo me, molte delle ragazze non lo hanno apprezzato,a tal punto da interrompere la lettura, anche per questo. In un certo senso, il suo essere così innovativo e fuori dagli schemi può non piacere. Illuminante o inattuale, a quasi quarant’anni dalla sua pubblicazione, Frammenti ancora divide i lettori.

MTE5NDg0MDU0NTgzNjA4ODQ3

Personalmente, Barthes mi ha fatto venir voglia di rileggere il Werther. Mi sono sentita inadeguata di fronte a un libro così pieno di riferimenti letterari: è un’opera talmente complessa e originale da far chinare il capo al lettore. L’ ho apprezzato, ma so di non averlo fatto fino in fondo. Spero un giorno di impararlo a leggere.

L’errore più grande che si possa fare? Leggerlo velocemente e cercare al suo interno soluzioni e chiarimenti. Il difetto principale di questo libro? Quello di non essere per tutti.

 

Nella mia vita, io incontro milioni di corpi; di questi milioni io posso desiderarne delle centinaia; ma di queste centinaia, io ne amo uno solo.

 

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...